Strict Standards: Only variables should be passed by reference in /web/htdocs/www.mpnews.it/home/archivio/config/routing.php on line 4
MP News | Archivio
collabora redazione chi siamo


martedì 10 dicembre 2019

  • MP News
  • Sport

CALCIO - Totti salva la Roma dall'ennesima figuraccia

2-2 in casa in rimonta su un ottimo Catania

06.05.2012 - Jacopo Fontanelli



CALCIO - IL PUNTO SUL CAMPIONATO - Scandalo a Catania, Juve sempre più prima, dietro tengono Inter e Napoli

Vittoria tra mille polemiche per i bianconeri; l’Inter suona l’ottava e il Napoli è sempre...
Leggi l'articolo

CALCIO - Continua il tabù Catania, Roma sconfitta per 4-1

Se lo scudetto bianconero era diventato solo un proforma, a far notizia è l'atteggiamento dei giallorossi al...
Leggi l'articolo

CALCIO - Catania-Roma 4-1. Le pagelle giallorosse

Maicon l'uomo in meno, Castan irriconoscibile. Pjanic non mette la gamba. Si salva solo il Capitano, l'unico a tenere...
Leggi l'articolo

CALCIO – Le pagelle di Roma-Catania 4-0

De Sanctis si gode la partita. Benatia, difesa e gol. Destro alla terza rete da vero bomber. Garcia coraggioso e sempre...
Leggi l'articolo

 

La Roma saluta l'Olimpico con un pareggio. E adesso le speranze per centrare l'ultimo posto per l'Europa League sono ridotte al lumicino. La corsa è sull'Inter che dovrà fare meno di due punti nelle ultime due partite per consentire ai giallorossi di giocare per tre competizioni l'anno prossimo.

Era la partita dell'addio di Giorgio Rossi, e quella delle 500 partite di Totti (ottimamente festeggiate con una doppietta) e anche quella del saluto ai suoi tifosi. Quei tifosi che hanno incitato e incoraggiato la squadra per quasi tutta la partita per poi fischiarla solo alla fine, quando hanno manifestato tutto il loro dissenso per una stagione che si sta concludendo con una mestizia che non si registrava da anni.

La partita è bella e vibrante: le due squadre si affrontano a viso aperto e sfiorano il gol in più di un'occasione. La più ghiotta sui piedi di Totti: minuto 9 e il numero 10 si fa respingere un rigore (molto generoso per la verità) da un super Carrizo, mancando poi a porta sguarnita il tap in vincente. Poi è Lobont a respingere le conclusioni di Bergessio e Gomez, per evitare la capitolazione. Ancora Totti e Pianjc vanno vicini al vantaggio ma le squadre vanno negli spogliatoi con il risultato ancora inchiodato sullo 0-0.

Al rientro in campo è un'altra Roma: Totti se la carica sulle spalle e prima impegna Carrizo con un sinistro da fuori, e poi sempre col suo piede "debole" disegna una traiettoria imprendibile per il portiere argentino: 1-0 e palla al centro. Di solito quando la Roma è vantaggio riesce a giocare mentalmente più libera da ogni pressione, ma prima ancora di avere il tempo di volare sulle ali dell'entusiasmo per il vantaggio appena raggiunto, Heinze stende in area Barrientos: rigore netto e Lodi che spiazza Lobont per l'1-1. Il vantaggio della Roma è durato solo 6 minuti. Al'22 da una punizione sulla linea di fondo, ancora il sinistro magico di Lodi smarca il liberissimo Marchese al centro dell'area, lasciato colpevolmente solo da una retroguardia giallorossa che ha avuto il demerito di abbassarsi troppo verso il proprio portiere. Così come col Novara il terzino di Montella piazza un sinistro imparabile alle spalle di Lobont. Siamo sul 1-2 e cominciano a sentirsi i primi mugugni e brusii da parte del pubblico stanco per le troppe figuracce raccolte quest'anno.

La partita diventa ancora più bella ed avvincente, con continui capovolgimenti di fronte, e squadre che rischiano di segnare ad ogni azione: a quindici minuti dalla fine è ancora Totti a salvare i suoi, appoggiando in rete con un preciso piatto destro un bel cross dal fondo di Pianjc.

C'è il tempo solo di segnalare una sfiorata rissa tra Totti e Almiron, che accusava i romanisti di non aver buttato fuori la palla con un giocatore avversario a terra, una occasionissima per Lamela che si fa ipnotizzare da Carrizo e la sostituzione di Osvaldo, che non la prende come Liajic ma non si può certo dire che sia uscito dal campo col sorriso dei giorni migliori.

A fine partire Totti assume su di sé le colpe della mancata vittoria, ma sarebbe ingiusto addossarle tutte a lui che anzi è l'unico che ha avuto il merito di lottare e crederci fino alla fine.

Montella ha sicuramente dimostrato di essere un bravo allenatore, davanti a chi l'ha sostituito per gettare le basi del famoso progetto americano. Forse stasera qualcuno se n'è pentito.

 

 

BlinkListDiggFacebookFurlGoogleLinkedInLiveMySpaceNetscapeNetvibesNewsVineOk NotiziePliggPliggaloPostanotiziePrintRankaloSegnaloStumbleUponTechnoratiTechnotizieTwitterYahooBuzzdel.icio.usemailfainformazione.it

Commenti

Per poter lasciare un commento devi prima effettuare il login o registrarti al sito.