Strict Standards: Only variables should be passed by reference in /web/htdocs/www.mpnews.it/home/archivio/config/routing.php on line 4
MP News | Archivio
collabora redazione chi siamo


sabato 16 nov 2019

  • MP News
  • Sport

CALCIO - IL PUNTO SUL CAMPIONATO - Befana amara per Juve e Fiorentina. Al Napoli il derby del sud; Lazio sempre più seconda

Icardi fa sognare Genova, e Cavani mata la Roma. Crolla la Fiorentina in casa col Pescara

08.01.2013 - Jacopo Fontanelli



CALCIO - IL PUNTO SUL CAMPIONATO - Il Napoli agguanta la Juve al primo posto: risorgono Milan e Inter

Tripletta di Cavani che annienta la Lazio; Fantantonio e il Faraone: sorrisi a Milano  
Leggi l'articolo

CALCIO - IL PUNTO SUL CAMPIONATO. Udinese e Siena inguaiano le milanesi, pareggia il Napoli a Catania

Brutte sconfitte per Milan e Inter che ora mettono in discussione i loro allenatori  
Leggi l'articolo

CALCIO - IL PUNTO SUL CAMPIONATO - Immutata la lotta al vertice

L'Europa decide la 25ma giornata, Juve ko e pareggio per il Napoli
Leggi l'articolo

La partita al rientro dalle vacanze è sempre un'incognita, e anche quest'anno non viene smentita questa tradizione. Una sorprendente Sampdoria sbanca allo Juventus Stadium, infliggendo alla capolista la terza sconfitta nelle ultime otto partite. Juve in vantaggio con Giovinco su giusto rigore assegnato per fallo su Marchisio (rimasto stoicamente in campo negli ultimi minuti dopo un infortunio al ginocchio); ospiti in dieci per doppio giallo a Berardi e partita che sembra chiusa già nel primo tempo. Al rientro dagli spogliatoi un doppio Icardi, aiutato anche da un non eccellente Buffon,  fa sognare i blucerchiati.

Dietro ne approfitta solo la Lazio sempre più seconda in classifica sconfigge il Cagliari nell'anticipo del sabato sera, portandosi a cinque lunghezza dalla capolista. Sardi in vantaggio con Sau che beffa Marchetti con un tiro all'angolino basso, ma biancocelesti mai domi che si dimostrano essere una grande squadra; Konko pareggia i conti su angolo battuto da Candreva, e a cinque minuti dalla fine ancora Candreva segna dal dischetto il rigore del definitivo 2-1. Sardi che chiudono in nove per la doppia espulsione in occasione del rigore di Agazzi (doppio giallo) e di Cossu (per proteste); rigore per la verità dubbio, perché Agazzi stende Klose quando il tedesco aveva già calciato il pallone, poi uscito sopra la traversa.

Altra sorpresa di giornata, la sconfitta interna della Fiorentina. Viola che dominano il primo tempo, costringendo Perin ad almeno 5 miracoli, prima su Toni, Tomovic, Cuadrado, Aquilani e Borja Valero. Il risultato resta fissato sullo 0-0, fin quando un'incornata di Johnathas colpisce l'incolpevole Neto. La Fiorentina, orfana anche di Pizarro uscito per infortunio, non reagisce e cade sotto i colpi degli ospiti, prendendo il 2-0 a recupero appena iniziato.

Spettacolo al San Paolo, il Napoli liquida e annienta la Roma con un 4-1 che non lascia spazio a recriminazioni. Cavani dopo le triplette a Lazio, Juve e Milan, ne infligge una anche alla Roma; destro, sinistro e colpo di testa fissano il punteggio sul 3-1; Osvaldo per gli ospiti prova a riaprire, ma le speranze sono subito frustrate dall'espulsione di Pianijc. Al 90 c'è spazio anche per il gol di Maggio.

Un brutto Milan vince in casa col Siena; apre Bojan a metà della ripresa (giocatore sempre più decisivo quando entra piuttosto che quando parte dalla panchina) e chiude Pazzini su generoso rigore concesso dall'arbitro. Paolucci per gli ospiti riapre la partita, che termina però con la vittoria dei rossoneri.

L'Udinese annienta l'Inter in una partita dai due volti. Partita equilibrata nel primo tempo in cui si segnala una traversa di Di Natale e un presunto rigore negato ai neroazzurri; nel secondo tempo l'Inter gioca molto bene per i primi venti minuti sfiorando il gol con occasioni clamorose in tre occasioni: prima Johnatan a porta vuota, poi Palacio per due volte solo davanti al portiere.  Nei due minuti successivi all'errore del Trenza la partita finisce. Di Natale in contropiede fulmina Handanovic e Juan Jesus si fa espellere per doppia ammonizione. Dopo i due pali con la Lazio e il palo a porta vuota col Genoa, l'Inter ancora una volta viene tradita dalla dea bendata. I neroazzurri escono dal campo colpevolmente con venti minuti d'anticipo lasciando campo all'Udinese, che prima raddoppia con Muriel e poi chiude i conti ancora con Di Natale.

Il nuovo Genoa di Del Neri beneficia subito dei nuovi acquisti, tornando a vincere in casa dopo tre mesi, anche se la vittoria porta la firma di due giocatori che sono sul piede di partenza; doppio assist di Immobile, e doppio gol di Marco Borriello, ora non è più così certa la sua cessione.

Il Parma continua a sognare, e sconfigge all'ultimo secondo il Palermo. Gialloblu in vantaggio con il sempre più sorprendente Belfodil e ospiti che trovano il pari con il partente Budan. Al 93 è l'ex Amauri (che non esulta) a regalare la vittoria ai suoi grazie ad una papera del portiere Benussi, che ironia del destino è stato preferito ad Ujkani proprio per i suoi innumerevoli errori.

Vince anche il Chievo con l'Atalanta per 1-0 con rete di Cofie (primo gol per lui in serie a). Noioso 0-0 tra Catania e Torino nell'anticipo delle 18.

 

 

BlinkListDiggFacebookFurlGoogleLinkedInLiveMySpaceNetscapeNetvibesNewsVineOk NotiziePliggPliggaloPostanotiziePrintRankaloSegnaloStumbleUponTechnoratiTechnotizieTwitterYahooBuzzdel.icio.usemailfainformazione.it

Commenti

Per poter lasciare un commento devi prima effettuare il login o registrarti al sito.