Strict Standards: Only variables should be passed by reference in /web/htdocs/www.mpnews.it/home/archivio/config/routing.php on line 4
MP News | Archivio
collabora redazione chi siamo


martedì 10 dicembre 2019

  • MP News
  • Sport

CALCIO - IL PUNTO SUL CAMPIONATO - La Juve allunga a + 5 sul Napoli

Balotelli salva ancora il Milan, Roma in caduta libera contro la Samp

11.02.2013 - jacopo fontanelli



CALCIO - Una Roma spavalda mette alle corde il Palermo

Tre gol in mezz'ora (Pjanic, Florenzi e Gervinho) e gara in discesa. Chiude con una doppietta l'attaccante ivoriano
Leggi l'articolo

CALCIO - Lazio-Frosinone 2-0. Le pagelle biancocelesti

Gara bloccata per 80 minuti, quando Keita, subentrato a Kishna, segna con un destro d'autore. Il raddoppio di...
Leggi l'articolo

CALCIO - Alla Lazio il primo derby regionale contro il Frosinone

Terza vittoria consecutiva per i biancocelesti che raggiungono il terzo posto in classifica. Keita man of the match
Leggi l'articolo

CALCIO-UEL – Lazio-Saint-Étienne 3-2. Le pagelle biancocelesti

Al 6' difesa ferma sul colpo di pancia di Bayall Sall. Pari di Onazi al 38', 2-1 di Hoedt al 48'. Biglia sigla il 3-1,...
Leggi l'articolo

La Juventus può respirare. Dopo aver avuto per tutto gennaio il fiato sul collo del Napoli, ora è riuscita a ristabilire una piccola distanza di sicurezza. Cinque sono i punti che separano la prima dalla seconda e che, al momento, consentirebbero ai bianconeri di andare al San Paolo fra tre giornate potendosi accontentare anche di un pari. Cinque punti e non più tre, frutto di un sabato pomeriggio scoppiettante. Lo stile Juve aveva promesso un inferno e inferno è stato. Fiorentina mai in campo e bianconeri in costante controllo del match che poteva avere un epilogo più rotondo del 2-0 finale. L'unica pari che ottiene la viola è quello a colpi di stile; dopo le tante critiche per il "troverete l'inferno", risponde Viviano gettando a terra la maglia di Pirlo a fine partita.

Campagnaro dicono che andrà all'Inter a parametro zero la prossima stagione, ma già in questa ha cominciato a segnare per la sua futura squadra. Il gol all'ultimo minuto che vale l'1-1 all'Olimpico con la Lazio, frena i biancocelesti nella lotta al terzo posto. Lazio e Napoli impattano 1-1 in una partita a colpi di pali e traverse, due per i padroni di casa uno per gli ospiti col solito Cavani. Floccari segna il suo quarto gol nelle ultime quattro partite e per il momento non sta facendo rimpiangere l'infortunato Klose.

L'Inter col Chievo ha perso uno scudetto nel 2002, quello del cinque maggio. Fece un solo punto con una neopromossa, ma da allora le vittorie contro gli asini che volano sono all'ordine del giorno. All'andata col 2-0 firmato Pereyra e Cassano i neroazzurri cominciarono la serie di sette vittorie di fila culminate col trionfo dello Juventus Stadium. I tifosi sperano che sia così, e che i gol di Cassano, Ranocchia e Milito siano l'inizio di una lunga rincorsa a un posto Champions. Per Stramaccioni ora c'è la doppia sfida col Cluj in Europa League intervallata da una difficilissima trasferta a Firenze. Tre partite prima dell'amichevole del 24 Febbraio con i cugini guidati da Balotelli.

Balotelli, sì. Sempre lui. Aveva fatto due gol in sei mesi in Premier, ne ha fatti tre in sette giorni in Italia. Il Milan abbassa le creste, e rischia di perdere fuori casa col Cagliari. E non si sa se è più notizia la quasi sconfitta o il fatto che si sia effettivamente giocato a Cagliari dopo una settimana di ricorsi e controricorsi al Tar. Ci pensa SuperMario dal dischetto a pareggiare i conti a cinque minuti dalla fine, ma il 45 non si fa mancare il solito dito alla bocca per zittire chi lo fischiava sperando di innervosirlo.

Sprofonda la Roma nella sua autogestione. Aurelio Andreazzoli riparte da Genova, proprio dove nacque il modulo di Spalletti che incantò l'Italia per una stagione e mezzo. Lì per necessità venne creato quel 4-2-3-1 per mancanza di punte che fece tremare colossi come Real e Manchester (prima del 7-1), ora in campo va un 3-4-1-2 con Lamela esterno di destra di centrocampo. E sembrano giocare anche bene, nel primo tempo, i giallorossi ma sprecano troppo, e nel calcio si sa, quando sprechi vieni punito. Dopo un gol annullato a Lamela (non era lui in fuorigioco, ma l'azione era viziata poco prima dalla posizione irregolare di Marquinho, inspiegabilmente segnalata con ritardo) Estigarribia porta in vantaggio la Sampdoria. Dopo cinque minuti va in scena la tragedia, non greca, ma romana. Rigore per la Roma. Da vent'anni (come dirà il mister nel postpartita) i rigori li tira, li segna e li sbaglia Totti. Ma oggi Osvaldo vuole essere protagonista, ruba il pallone al capitano e prende una rincorsa svagata e svogliata, che lo porta a tirare un rigore piano piano che Romero fa in tempo a chiamare a casa e avvertire la moglie di mettere su l'acqua per quando torna, e pararlo. Sembrava volesse spaccare il mondo, invece si è solo attirato le ire dei suoi tifosi avvelenati col Johnny Depp italo argentino. Ma Johnny Depp oltre ad essere più bello è anche più bravo a recitare, e al suo interesse verso i colori che veste, non ha creduto nessuno.
La partita finisce 3-1 con Delio Rossi che, dopo aver appiccicato in panchina Ljajic sale ancora agli onori della cronaca per un dito medio sventolato in faccia a Burdisso. Sicuramente ha imparato a battere la Roma (sesta vittoria di fila contro i giallorossi), ma forse non ha ancora imparato le buone maniere.

Protestare fa bene; almeno sembra. Dopo il furto di domenica scorsa l'Udinese vede ricompensate le sue lamentele, e si vede non assegnare due rigori contro (netti che più netti non si può) e porta a casa la vittoria col Torino di Ventura (espulso per aver espresso questo medesimo concetto). Così è se vi pare.

Il Palermo è ultimo e Malesani, che non sconfigge nemmeno il Pescara in casa, ha tutte le carte in regole per riuscire ad ottenere la sua quarta retrocessione.

Parma-Genoa, Atalanta-Catania e Bologna-Siena si dividono la posta in palio e anche la gara su chi riesce a essere più noioso. Due 0-0 nei primi due match e 1-1 stiracchiato firmato Emeghara e Konè al Dall'Ara.

In settimana le prima quattro in classifica impegnate in Europa, mentre la settimana prossima toccherà al Milan sfidare gli invincibili del Barcellona. Mercoledì chi ha tempo dedichi un'ora e mezza a Real Madrid-Manchester United.

 

BlinkListDiggFacebookFurlGoogleLinkedInLiveMySpaceNetscapeNetvibesNewsVineOk NotiziePliggPliggaloPostanotiziePrintRankaloSegnaloStumbleUponTechnoratiTechnotizieTwitterYahooBuzzdel.icio.usemailfainformazione.it

Commenti

Per poter lasciare un commento devi prima effettuare il login o registrarti al sito.