Strict Standards: Only variables should be passed by reference in /web/htdocs/www.mpnews.it/home/archivio/config/routing.php on line 4
MP News | Archivio
collabora redazione chi siamo


venerdì 15 nov 2019

  • MP News
  • Sport

CALCIO – Poca Lazio contro il Parma, pareggio che sa di sconfitta

Europa League sempre più lontana, serve uno scatto d'orgoglio

30.04.2013 - Simone Di Tommaso



CALCIO - TIM CUP - La Lazio vola in finale di Coppa Italia

Una vittoria memorabile contro la temibile Juventus
Leggi l'articolo

CALCIO - Totti da sogno e la Roma vince

All'Olimpico batte il Parma e raggiunge la Lazio
Leggi l'articolo

CALCIO - La Lazio continua a volare.

I biancocelesti, pur soffrendo, conquistano i tre punti in casa contro il Parma.
Leggi l'articolo

CALCIO - Empoli-Lazio 2-1. Le pagelle biancocelesti

Squadra sprecona e arruffona. Djordjevic ancora in gol, ma non basta. Solite amnesie difensive sui calci piazzati
Leggi l'articolo

Parma-Lazio 0-0

La tanto sospirata vittoria in trasferta, che manca dal lontano 22 dicembre, non arriva neanche questa volta. A Parma si è consumata l'ennesima delusione. La Lazio si ritrova ottava in classifica, a tre punti dal quinto posto e dall'accesso diretto in Europa League. Un bottino piuttosto magro se si pensa alle prospettive immaginate all'inizio del girone di ritorno. Sopravanzata da FiorentinaRoma, Udinese e Inter, la squadra biancoceleste non sembra più reagire e si trova quasi incapace di rivolgere la situazione.

La partita disputata al Tardini è la cartina al tornasole degli ultimi quattro mesi a tinte biancocelesti: da una parte sembra di assistere addirittura alla mancanza della voglia di vincere, dall'altra si vede la condizione scadente dei migliori interpreti laziali. Il pareggio è servito!
Petkovic schiera il classico 4-1-4-1 con la difesa titolare ritrovata dopo circa due mesi: Konko, Biava, Dias e Radu. Ledesma dietro a Candreva, Onazi, Hernanes ed Ederson, Klose unica punta. Le premesse per una buona prestazione sembrerebbero esserci tutte. Ma non è così.

Il primo tempo è noioso e avaro di occasioni per entrambe le squadre. La partita non si accende. Gli unici sussulti sono dati da un colpo di testa di Amauri dopo appena 120 secondi dal fischio iniziale alzato sopra la traversa da un ottimo Marchetti. Poi, fino al 40' nessuna emozione: Parma e Lazio sono lunghe in campo, si affollano a centrocampo senza creare gioco. Non c'è traccia di pressing, Klose non è il centravanti visto fino a prima dell'infortunio rimediato a Genova, le cavalcate del volenteroso Candreva si spengono spesso per un'imprecisione di troppo o perché i compagni non lo seguono. Lo stesso vale per Amauri, che si divincola bene nell'area biancoceleste, poco assistito dai suoi. Alla fine le due squadre finiscono per annullarsi e spegnersi a vicenda.

Nella ripresa la musica cambia, anche se non di tanto. Il Parma entra in campo più determinato e impensierisce in più occasioni la retroguardia biancoceleste senza però mai arrivare a un tiro pericoloso. Al 55' arriva la prima vera occasione per la Lazio con Ederson che, dopo aver scambiato con Klose, scarica un bolide - ahimè impreciso - verso la porta di Mirante. Petkovic - forse un po' tardivamente - getta in campo forze fresche, sostituendo Ederson con Floccari e, qualche minuto dopo, Klose con Kozak. L'ultimo quarto d'ora regala più di un sussulto, la Lazio sembra aver preso il possesso del campo, Floccari si rivela molto più efficace dell'evanescente Ederson e Kozak, pur mancando un gol fatto davanti a Mirante su una fantastica verticalizzazione dell'instancabile Ledesma, lavora sodo e tiene occupata la difesa parmense più di quanto abbia fatto il centravanti tedesco. Nei minuti finali sono due le reti annullate per fuorigioco, una per parte: prima quella di Paletta sulla punizione respinta di Marchetti, poi quella di Kozak sulla punizione di Ledesma nell'ultimo minuto di recupero. Come se non bastasse, Biava si fa espellere un po' stupidamente per doppia ammonizione (innervosito da Amauri che gli sguscia da ogni dove). Il pareggio rimane il risultato più giusto per una partita a tratti stregata. Non ci si stancherà di dirlo: è ora che la Lazio trovi la forza e la determinazione per terminare in modo degno (magari ripartendo da quelle stesse energie ritrovate nei 20 minuti finali a Parma) un campionato eccellente fino al girone di andata, poi diventato un incubo in quello di ritorno.

Il tabellino
34ma giornata del Campionato italiano di Serie A Tim 2012/2013
Domenica 28 aprile 2013 - Stadio Ennio Tardini di Parma
PARMA-LAZIO 0-0

Parma (4-3-3): Mirante; Benalouane, Lucarelli, Paletta, Mesbah (79' Gobbi); Marchionni (69' Ninis), Valdes, Parolo; Biabiany (69' Sansone), Amauri, Belfodil.

In panchina: Pavarini, Bajza, Santacroce, Rosi, Coda, Boniperti, Galloppa, Morrone, Strasser. All. Donadoni

Lazio (4-1-4-1): Marchetti; Konko, Biava, Dias, Radu (82' Pereirinha); Ledesma; Candreva, Onazi, Hernanes, Ederson (66' Floccari); Klose (75' Kozak).

In panchina: Bizzarri, Scarfagna, Stankevicius, Ciani, Crecco, Mauri, Saha, Rozzi. All. Petkovic

Arbitro: Gianpaolo Calvarese (sez. Teramo)

Assistenti: Galloni, Preti

IV Uomo: Iannello

ADD1: Giacomelli

ADD2: Nasca

Note: Espulsi Biava (L) per doppia ammonizione. Ammoniti Valdes (P), Candreva (L), Biava (L), Marchionni (P), Amauri (P) Ninis (P), Parolo (P)

Recupero: 4' st,

Le pagelle
Marchetti 6,5
Konko 6
Biava 4,5
Dias 6,5
Radu 6 (dall'82' Pereirinha sv)
Ledesma 6,5
Candreva 6
Hernanes 5
Onazi 5,5
Ederson 5 (dal 66' Floccari 6,5)
Klose 5 (dal 75' Kozak 6)
All. Petkovic 6

 

BlinkListDiggFacebookFurlGoogleLinkedInLiveMySpaceNetscapeNetvibesNewsVineOk NotiziePliggPliggaloPostanotiziePrintRankaloSegnaloStumbleUponTechnoratiTechnotizieTwitterYahooBuzzdel.icio.usemailfainformazione.it

Commenti

Per poter lasciare un commento devi prima effettuare il login o registrarti al sito.