collabora redazione chi siamo


venerdì 24 maggio 2019

  • MP News
  • Sport

CALCIO – IL PUNTO SUL CAMPIONATO - Napoli in Champions. Continua il crollo dell’Inter battuta dalla Lazio

Juve senza problemi a Bergamo. Tutte vittorie in trasferta, tranne i pareggi di Torino e Sampdoria

09.05.2013 - jacopo fontanelli



CALCIO - Roma: solo un pareggio contro il Pescara

La squadra di Andreazzoli non approfitta a pieno del passo falso della Lazio
Leggi l'articolo

CALCIO – Lazio ritrovata: all’Olimpico tornano Klose, la grinta e la vittoria

2-1 in rimonta per i biancocelesti contro il Catania, Candreva dal dischetto chiude la partita  
Leggi l'articolo

CALCIO - Roma: addio sogni di Champions

Pari al Friuli di Udine, Muriel risponde a Lamela  
Leggi l'articolo

CALCIO – IL PUNTO SUL CAMPIONATO - Alla Juve il derby della Mole, spettacolo Viola a Marassi

Milan ancora terzo, il triplice Osvaldo sveglia la Roma, continua il digiuno della Lazio
Leggi l'articolo

Giornata di verdetti numero due, sicuramente meno importanti dello scudetto di domenica scorsa. Il Napoli espugna 3-0 il Dall'Ara e si prende la Champions senza passare dai preliminari, proprio dove l'anno scorso la perse. Le reti dei tre giocatori migliori della stagione: Hamsik, Cavani (27 per lui quest'anno) e Dzemaili. Sono sette i punti sul Milan che pur aveva vinto a Pescara nell'anticipo delle 18.00 per 4-0 con un Balotelli sugli scudi. Doppietta di SuperMario (il primo su rigore e fanno 17 segnati su 17 tirati), poi Muntari e Flamini.

Vittoria che scaccia gli ultimi tentativi della sempre bellissima Fiorentina di Montella, che resta a 4 punti dal terzo posto dopo aver vinto anche a Siena, grazie ad un gol di Gonzalo Rodriguez (settimo per lui in campionato, e per essere un difensore non sono pochi). Ottima squadra davvero la Viola, che sfiora ripetutamente il raddoppio con Cuadrado in un momento di forma straripante, Jovetic, Larrondo e infine con Toni che spinge sulla traversa da mezzo metro a porta vuota. Il Siena è in B; non lo è matematicamente perché ha 6 punti dal Genoa ed è in vantaggio negli scontri diretti. Dovrebbe perderle entrambe il Genoa e vincerle entrambe il Siena. Non succederà. Se non altro perché il Genoa domenica incontra l'Inter.

Si, l'Inter che sa solo perdere e si sta abituando a questo risultato. E con un'Inter così (senza Juan Jesus e Alvaro Pereira squalificati) sembra impensabile che il Genoa non faccia almeno un punto. La Lazio merita, ma all'Inter, va detto, va tutto male. Jonatan infortunato, autogol di Handanovic, palo di Cambiasso, rigore in cui Alvarez scivola e spara in curva. Sono dodici le domande che tutto lo stadio ha fatto a Moratti a suon di striscioni; sarà rifondazione, e sarà un anno senza Europa dopo 15 anni consecutivi. La Lazio vince e aggancia la Roma ed è a due punti dall'Udinese nella corsa all'Europa League, ferma restando la possibilità di andarci vincendo la Coppa Italia.

L'Udinese sa solo vincere e corona la sua rincorsa; affonda il Palermo e lo condanna a una probabilissima retrocessione. 3-2 con Muriel, Angella e Benatia, e in mezzo i due pareggi di Miccoli e Hernandez. Miccoli che esce in lacrime dal campo consapevole che la rincorsa alla permanenza in serie A, si è fermata qui.

La Roma dopo la fortunosa vittoria a Firenze di sabato, perde in casa dal già salvo Chievo, grazie a un gol di Thereau al 90', dopo una partita giocata malissimo e sotto ritmo. Comunque le migliori palle gol sono dei padroni di casa con Totti, Osvaldo e Destro, ma proprio all'ultimo respiro, gli asini volanti di Corini espugnano l'Olimpico. Dante lo chiamava contrappasso.

Tristissimi i pareggi scritti tra Sampdoria e Catania (che almeno segnano) e Torino e Genoa.

Il Parma vince 1-0 a Cagliari grazie ad un gol di Rosi nei minuti finali.

Citazione a parte per la partita Atalanta-Juventus, volutamente lasciata per ultima.
Ultima come le tifoserie di due squadre che giocano una partita che è poco più di un'amichevole (sculettata la Signora, salva la Dea) ma nonostante il clima di festa riescono prima a far registrare incidenti intorno allo stadio, con tanto di sassaiola e lancio di fumogeni, poi addirittura fanno sospendere la partita per una decina di minuti nel primo tempo, per lancio di oggetti in campo. Non succederà niente, non verrà squalificato il campo, né ci saranno penalizzazioni, ma soprattutto l'anno prossimo, se capiterà, non ci saranno problemi a far rigiocare questa partita di sera (leggasi invece polemiche ancora attuali sulla possibilità o meno di far giocare di sera il derby di Roma).
Per la cronaca ha vinto la Juventus 1-0, con gran gol di Matri, ma con questi fatti sugli spalti non deve interessare a nessuno.

Ignobili, infine, i fischi, su quasi tutti i campi, durante il minuto di raccoglimento per la scomparsa di Andreotti.

 

BlinkListDiggFacebookFurlGoogleLinkedInLiveMySpaceNetscapeNetvibesNewsVineOk NotiziePliggPliggaloPostanotiziePrintRankaloSegnaloStumbleUponTechnoratiTechnotizieTwitterYahooBuzzdel.icio.usemailfainformazione.it

Commenti

Per poter lasciare un commento devi prima effettuare il login o registrarti al sito.