Strict Standards: Only variables should be passed by reference in /web/htdocs/www.mpnews.it/home/archivio/config/routing.php on line 4
MP News | Archivio
collabora redazione chi siamo


venerdì 10 luglio 2020

  • MP News
  • Sport

CALCIO – Lazio, rocambolesco 3-3 in Europa League contro il Trabzonspor

Sotto per 3-1 nel primo tempo, Floccari pareggia nella ripresa. Ottimi Perea, Onazi, Anderson e Keita

04.10.2013 - Simone Di Tommaso



CALCIO – Europa League, Lazio amareggiata

Prima sconfitta della stagione in Europa contro il Fenerbahce, pesanti le responsabilità arbitrali
Leggi l'articolo

CALCIO – La Lazio termina il cammino in Europa League con una sola sconfitta

Fallisce la difficile rimonta contro il Fenerbahce. Duecento tifosi turchi ospiti della UEFA
Leggi l'articolo

CALCIO - IL PUNTO SULL’EUROPA LEAGUE

Lazio unica italiana ai quarti di finale. Passano Newcastle, Fenerbahce, Chelsea, Benfica, Tottenham, Rubin-Kazan,...
Leggi l'articolo

CALCIO - Europa League: la Lazio passa ai quarti di finale

Tripletta storica di Kozak, ora a Istanbul contro il Fenerbahce
Leggi l'articolo

il gol di Floccari

La partita dai due volti. Quella giocata a Trebisonda non può essere qualificata in altro modo. La Lazio, sotto di due reti per ben due volte, trova nel finale una grinta inaspettata, riuscendo a pareggiare una partita già persa e, addirittura, sfiorando il gol della vittoria a tempo scaduto. È una Lazio totalmente inedita quella scesa in campo contro il Trabzonspor. Finalmente spazio ai giovani e ai nuovi acquisti del mercato estivo. In campo dal primo minuti Biglia, Perea e Felipe Anderson, al debutto con la maglia biancoceleste.
Un match particolare come questo può rappresentare la svolta per il prosieguo della stagione. Agli svarioni difensivi hanno fatto da contraltare le giocate dei solisti. Particolare perché stare sotto di due reti in una serata piovosa, in uno stadio dalla tifoseria calda e riuscire a rimontare non è da tutti. È questa la forza dimostrata dalla Lazio nella seconda partita di Europa League.

LA FORMAZIONE - Petkovic concede un turno di riposo agli elementi più stanchi della compagine e butta nella mischia alcune novità. La linea difensiva è obbligata considerati gli infortuni e i nomi fuori dalla lista europea: Cana e Ciani centrali, Lulic e Cavanda sulle fasce. Biglia ed Hernanes davanti alla difesa. Onazi, Candreva e Anderson i tre dietro a Perea. Tanti giovani in campo, è lecito pensare alla Lazio del futuro.

IL MATCH - L'inizio non è dei migliori: la difesa continua a fare acqua e al 12' regala il gol del vantaggio ai turchi. Erdogan si ritrova tutto solo sulla sinistra e non perdona Marchetti con un buon rasoterra. Il colpo è duro. Non passano neanche dieci minuti che il Trabzonspor raddoppia. Stavolta l'errore decisivo è di Lulic, che si fa rubare palla sulla tre quarti da Malouda. Mierzejewski si avventa sul pallone e sfodera un bolide da fuori area che fulmina Marchetti, complice la leggera deviazione di Cana. La partita sembrerebbe già finita. Si pensa: è la solita Lazio. Ma non è così. Al 29' la squadra di Petkovic riesce ad accorciare le distanze con Onazi che, servito squisitamente da Perea, supera il portiere turco con un morbido scavetto. 2-1, ma il sogno della rimonta dura solo qualche minuto: al 35' Paulo Henrique sfrutta un'indecisione di Cana e Biglia e porta il risultato sul 3-1.
Il secondo tempo non regala, nella prima parte, sussulti, a parte un gol su calcio d'angolo annullato a Ciani: il pallone aveva superato la linea di fondo. Ma i biancocelesti sono entrati con un'altra grinta, anche se ancora la manovra appare lenta e impacciata quando si affacciano nell'area di rigore turca. Felipe Anderson mostra la sua classe e prende per mano la squadra. Per un soffio, dopo una giocata da fuoriclasse, manca il gol da posizione defilata sulla destra in area di rigore e dopo aver superato tre avversari, il primo con un tunnel. Il ragazzo ha tanta classe, e si vede finalmente. Petkovic riesce ad alzare il baricentro della squadra, sostituendo prima l'esausto Candreva con Floccari, poi Keita Felipe per Felipe Anderson, e infine Ederson per Hernanes. Sono le mosse giuste. All'83' è proprio l'attaccante calabrese, su calcio d'angolo battuto da Keita a segnare di testa il gol del 3-2. Qualche minuto dopo, una bella triangolazione con Perea porta, ancora, Floccari a tu per tu con Kivrak. È il gol del definitivo 3-3. A tempo quasi scaduto, Biglia ha sui piedi il gol della vittoria: ma il suo tiro finisce nelle braccia del portiere turco.

La Lazio, capitalizzando al massimo le occasioni che le si sono presentate, si porta in testa della classifica del girone con quattro punti insieme al Trabzonspor. L'Apollon Limassol, vittorioso al Pepsi Arena di Varsavia, è a tre punti. Chiude il Legia a zero punti.

Alle note negative di una difesa che fin da inizio stagione sembra poter essere trafitta con grande facilità da qualsiasi avversario, in questo match fa da contraltare una grande dimostrazione di carattere e determinazione, messa i campo soprattutto dalla linea giovane.
Il migliore in campo è, senza dubbio, Floccari. Per un attaccante apparso imbolsito nelle ultime prestazioni, segnare due gol in pochi minuti è la giusta ricompensa per un impegno mai mancato. Gran bella prova, tutta cuore, corsa e gol, per Onazi. I nuovi innesti sono le note positive della gara: Felipe Anderson ha una tecnica formidabile e una classe d'altri tempi: tra l'altro ha caratteristiche uniche all'interno della rosa biancoceleste. Perea appare sicuro e in grande spolvero: la sua prova è impreziosita da due assist fondamentali. Keita, infine, è il vero campioncino della squadra. A 18 anni mostra una classe unica e una personalità da veterano. Questi calciatori sono il presente e il futuro della Lazio.

IL TABELLINO
Trabzonspor-Lazio 3-3
Marcatori: 12' Erdogan (T), 22' Mierzejewski (T), 29' Onazi (L), 35' Paulo Henrique (T), 84' e 85' Floccari (L)

Trabzonspor (4-2-3-1): Kivrak; Bosingwa, Demir, Yumlu, Adin; Colman (57' Akgun), Zokora; Erdogan, Mierzejewski, Malouda (64' Alanzinho); Paulo Henrique. Allenatore: Akcay.A disposizione: Ayvaz, Bamba, Ozdemir, Kacar, Janko

Lazio (4-2-3-1): Marchetti; Cavanda, Ciani, Cana, Lulic; Onazi, Biglia; Candreva (61' Floccari), Hernanes (75' Ederson), Felipe Anderson (80' Keita); Perea. Allenatore: Petkovic. A disposizione: Berisha, Serpieri, Ledesma, Gonzalez,

Arbitro: Hansson (Sve)
Note. Ammonito Cavanda (L)

 

BlinkListDiggFacebookFurlGoogleLinkedInLiveMySpaceNetscapeNetvibesNewsVineOk NotiziePliggPliggaloPostanotiziePrintRankaloSegnaloStumbleUponTechnoratiTechnotizieTwitterYahooBuzzdel.icio.usemailfainformazione.it

Commenti

Per poter lasciare un commento devi prima effettuare il login o registrarti al sito.