Strict Standards: Only variables should be passed by reference in /web/htdocs/www.mpnews.it/home/archivio/config/routing.php on line 4
MP News | Archivio
collabora redazione chi siamo


sabato 14 dicembre 2019

  • MP News
  • Sport

CALCIO – La Lazio batte il Cagliari 2-0: torna Klose e tornano i tre punti

In campo all'inizio della ripresa, è la leggenda della nazionale tedesca a fare la differenza

28.10.2013 - Simone Di Tommaso



CALCIO - Cagliari-Lazio 1-3. Le pagelle biancocelesti

A segno Klose, Biglia e Parolo: tanti gol mancati, ma esame superato a pieni voti per la settima vittoria consecutiva
Leggi l'articolo

Calcio - Lazio, tre gol al Cagliari

Settima vittoria consecutiva per i biancazzurri: Klose, Biglia e Parolo affondano la banda di Zeman
Leggi l'articolo

CALCIO - Lazio, terzo posto con la vittoria sul Cagliari

All'Olimpico i biancocelesti battono i sardi di Zeman per 4-2. In gol Mauri, Klose (doppietta), Ederson
Leggi l'articolo

CALCIO - Lazio-Cagliari 4-2. Le pagelle biancocelesti

Rientra Mauri e segna, rientra Klose e ne fa due, rientra Ederson e chiude la partita. Calo del centrocampo nella...
Leggi l'articolo

Lazio

La scossa che serviva è arrivata? Lo si vedrà presto, nel prossimo turno infrasettimanale la Lazio affronterà il Milan fuori casa... I tre punti conquistati tra le mura amiche contro il Cagliari non possono che essere un buon viatico per il prosieguo della stagione e per rinsaldare la fiducia dentro lo spogliatoio e tra i tifosi. Per i biancocelesti il mese di ottobre è stato piuttosto deludente. I quattro pareggi e la sconfitta rimediata a Bergamo contro l'Atalanta avevano fatto traballare vistosamente persino la panchina di Petkovic. L'inesorabile discesa verso una crisi di gioco e di risultati sembrava inarrestabile. Proprio nel momento peggiore della gestione Petkovic, arriva una mezza (dalla ripresa) buona prestazione e soprattutto la vittoria. Merito della squadra, del tecnico o delle singole individualità? La risposta si legge dal tabellino. Il merito è di tutti ma, soprattutto, delle grandi stelle della Lazio. Il ritorno di Klose in campo e l'ottima prestazione di Candreva hanno fatto uscire la squadra dal guscio di timidezza e confusione che aveva mostrato nella prima frazione di gioco.

È il tedesco a fare la differenza. Entrato in campo all'inizio della ripresa, Klose ha stravolto la situazione di incertezza che si era vista in campo per tutto il primo tempo. È stata sufficiente una giocata da autentico fuoriclasse per imprimere la svolta alla partita che fino a quel momento era trascorsa senza costrutto e soprattutto senza un tiro in porta. Succede tutto dopo 5 minuti dall'inizio del secondo tempo: Candreva si invola sulla sinistra, raggiunge il fondo, crossa al centro dell'area, leggera deviazione di un difensore avversario, Klose svetta più in alto di tutti e gonfia la rete: 1-0 con esultanza rabbiosa sotto la Curva Nord. È lui la leggenda, è Klose il capocannoniere della Nazionale tedesca che ha eguagliato il record di Gerd Müller, è lui il vero beniamino della tifoseria biancoceleste, uno dei più grandi giocatori in biancoceleste ad aver calcato il prato dell'Olimpico. La seconda rete stagionale è impreziosita, qualche minuto più tardi, dalla conquista di un calcio di rigore: l'incursione di Klose in area semina il panico nella difesa del Cagliari e il malcapitato Pisano rovinando a terra nel tentativo di sradicargli la palla dai piedi tocca il pallone con il braccio sinistro. Massa fischia il penalty e Candreva con freddezza spiazza Agazzi con un tiro forte e angolato. 2-0 e partita in discesa. Le paure che hanno frenato le iniziative biancocelesti nel primo tempo sono alle spalle. Con il passare dei minuti la squadra acquista sempre maggiore sicurezza e si affaccia in più occasioni nell'area piccola cagliaritana. I giocatori di Lopez subiscono e non riescono a costruire azioni pericolose per poter ribaltare il risultato. Arriva il 90' e arrivano finalmente i tre punti per la Lazio che a 14 punti si porta in classifica alle spalle delle prime della classe. Tutta la squadra si abbraccia idealmente alla tifoseria andando a festeggiare sotto la Nord. Marchetti, prima del match, aveva avuto modo di chiarire con la Curva Nord lo spiacevole battibecco in terra cipriota.

La vittoria non deve far dimenticare i tanti problemi emersi nel corso dell'ultimo mese. Il risultato è importante. Ma non si può pensare di essere definitivamente usciti dal tunnel. Il gioco è ancora a sprazzi e alcune individualità devono trovare continuità. I nuovi acquisti Perea e Anderson sono due ragazzi con indubitabili doti tecniche, ma è altrettanto fuori di dubbio che debbano crescere e ambientarsi. Il talento di Biglia ancora non riesce a venir fuori come in Nazionale. La rivoluzione operata da Petkovic con una formazione inedita e sperimentale non riesce a far dimenticare la squadra del girone di andata dello scorso campionato che rubava gli occhi per gioco e risultati. Del resto è naturale che il rodaggio delle giovani leve sia lungo. In prospettiva si può essere ottimisti: il problema è essere efficaci e convincenti nel presente.

La palma del migliore in campo non può che andare a Miro Klose, l'autentico fuoriclasse di questa Lazio. Un gol di classe e un rigore conquistato incorniciano una prestazione esaltante. Dopo di lui, la palma va ad Antonio Candreva. Sebbene ogni tanto pecchi di eccessivo egoismo, il talento di Tor de' Cenci si rivela imprescindibile per la squadra. È il vero motorino della fascia. Come al solito, le migliori azioni partono dai suoi piedi. Da evidenziare, ancora una volta, la buona prestazione di Perea che si sta rivelando come uno dei migliori acquisti del mercato estivo.

Tuttavia la squadra soffre e stenta a trovare un'identità, anche a causa delle tante assenze. Cana e Pereirinha non sono sembrati all'altezza delle aspettative, Onazi ed Ederson non hanno convinto. Il nigeriano mette impeto e impegno ma ha sofferto la fisicità di Nainggolan e Conti e soprattutto nel primo tempo ha manifestato poca tranquillità. Felipe Anderson, che ha rilevato a sorpresa Hernanes, sembra ancora molto spaesato e per nulla incisivo: di lui si ricorda solo la palla offerta a Perea per il possibile 3-0.

Leggendo la formazione, una domanda sorge spontanea: come mai tanti calciatori eccellenti come Hernanes, Floccari, Gonzalez, Ledesma in panchina? Semplice turn over in vista dell'impegno infrasettimanale e poi della gara di Europa League?

Petkovic dovrà essere bravo a ripartire, tenendo conto di quanto di buono si è visto contro il Cagliare e cercando di comprendere gli aspetti negativi ancora irrisolti. Non è un compito facile, questo è fuori di dubbio. Ma la fiducia non manca.

IL TABELLINO
LAZIO-CAGLIARI 2-0
Marcatori: 52' Klose (L), 55' Candreva (L) rig.

Lazio (4-2-3-1): Marchetti; Pereirinha, Novaretti (46' Ciani), Cana, Radu; Onazi, Biglia; Candreva, Ederson (46' Klose), Felipe Aderson (87' Cavanda); Perea.
In panchina: Berisha, Strakosha, Elez, Gonzalez, Ledesma, Keita, Hernanes, Floccari, Tounkara. All. Petkovic

Cagliari (4-3-1-2): Agazzi; Perico (44' Pisano), Rossettini, Astori, Murru; Cabrera (70' Cossu), Conti, Dessena; Nainggolan; Sau (59' Pinilla), Ibarbo.
In panchina: Avramov, Ariaudo, Eriksson, Nenè. All. Lopez

Arbitro: Davide Massa (sez. Imperia)

Assistenti: Bianchi; Paganessi

IV Uomo: De Luca

ADD1:Rizzoli ADD2:Pizzani

Note: Ammoniti Ciani (L), Pisano (C)

Recupero: 2' pt; 2st

 

BlinkListDiggFacebookFurlGoogleLinkedInLiveMySpaceNetscapeNetvibesNewsVineOk NotiziePliggPliggaloPostanotiziePrintRankaloSegnaloStumbleUponTechnoratiTechnotizieTwitterYahooBuzzdel.icio.usemailfainformazione.it

Commenti

Per poter lasciare un commento devi prima effettuare il login o registrarti al sito.