Strict Standards: Only variables should be passed by reference in /web/htdocs/www.mpnews.it/home/archivio/config/routing.php on line 4
MP News | Archivio
collabora redazione chi siamo


venerdì 15 nov 2019

  • MP News
  • Sport

CALCIO - IL PUNTO SUL CAMPIONATO - Juve di rabbia contro il Sassuolo. Il Milan ferma la Roma

Amaro ritorno a Napoli per Mazzarri. Spettacolo viola nel derby dell'appennino, buona Lazio contro il Livorno

17.12.2013 - jacopo fontanelli



CALCIO - IL PUNTO SUL CAMPIONATO - La stagione dei record va in archivio

Ora Mondiali e mercato. Cerci butta via l'Europa; vi spieghiamo perché il nostro calcio è così in...
Leggi l'articolo

CALCIO - IL PUNTO SUL CAMPIONATO - Alla Juve lo scontro diretto. Fiorentina e Inter in Europa

Verona, campionato rivelazione. Crollo Milan, fallimento Lazio. Tutto deciso in coda: salutano Livorno, Catania e...
Leggi l'articolo

CALCIO - IL PUNTO SUL CAMPIONATO - La Roma crolla a Catania: scudetto alla Juve

Derby al Milan. Lotta serrata per l'Europa League. Ma il weekend del calcio ha registrato ben altro che risultati
Leggi l'articolo

CALCIO - IL PUNTO SUL CAMPIONATO - La Juve PogVa ma la Roma non molla

Inter, passo importante per l'Europa. Il Milan si avvicina. Pari spettacolo tra Lazio e Torino. Sassuolo e Catania...
Leggi l'articolo

La sedicesima giornata dice tante cose. Dice tante cose perché è la giornata che segue l'eliminazione di Juventus e Napoli dalla Champions. Due brutte batoste psicologiche che però le due squadre dimostrano di aver recuperato appieno. Più il Napoli, forse, che aveva una partita "vera" e l'ha vinta alla grande. Parleremo dopo dell'Europa, concentriamoci ora sul calcio di casa nostra.

Juventus-Sassuolo dura mezz'ora: il tempo che ci mettono Tevez e Peluso a portare i bianconeri sul 2-0, e il fatto che la squadra di Conte non prenda gol da 8 partite legittima a pensare che i tre punti siano in cassaforte. È la partita della tripletta dell'Apache, la prima in Serie A, perché nel secondo tempo finisce ancora 2-0.

Dopo Bologna-Chievo, questa volta il Monday night assume un sapore tutto particolare: Milan-Roma è Allegri contro quella che sarebbe potuta essere la sua squadra, è Balotelli contro i fischi e qualche buu, ma soprattutto è la partita, forse, della maturità e della consacrazione per i giallorossi. Alla fine è 2-2 e la Juve scappa a più cinque (Destro, Zapata, Strootman, Muntari), ma la Roma dimostra di essere cresciuta e di essere pronta a lottare fino alla fine per lo scudetto. Anni fa partita come questa le avrebbe perse, ora le gioca, le domina e spesso le vince. Per uscire ogni stagione con 4 punti da San Siro, comunque, si potrebbe mettere la firma ogni anno.

Il Napoli si riprende da una ingiusta eliminazione in Champions (fuori con 12 punti, ci sono squadre passate con 6 o 7) e sconfigge l'Inter dell'ex Mazzarri 4-2. Partita emozionante a tratti esaltante. Higuain, Cambiasso, Mertens Dzemaili e Nagatomo danno vita ad un primo tempo che nessuno si sarebbe aspettato. Due allenatori che fanno della difesa il loro punto di forza (in carriera, non ultimamente). Nella ripresa va spesso l'Inter vicina al pari, prima con Guarin e poi con Palacio, ma dopo l'espulsione (rivedibile) di Alvarez, che salterà anche il derby, i neroazzurri escono dal campo e prendono il 4-2 finale di Callejon. Zero vittorie da quando è arrivato Thohir; non stupirebbe se stesse cercando disperatamente lo scontrino per cambiare l'acquisto.

Fiorentina show nel derby dell'Appennino: gioco spumeggiante e brillante e per la prima volta in casa, la Viola mantiene la porta inviolata. 3-0 al Bologna, firmato Ilicic, Borja Valero e Rossi. Se di lotta al terzo posto si deve parlare, in questo momento sembra una corsa a due tra Napoli e Fiorentina.

La Lazio dà un calcio alla crisi e torna a vincere: non è una coincidenza che lo faccia contestualmente al ritorno di Klose. Doppietta per il tedesco e 2-0 al Livorno. Pektovic puntella la sua panchina.

La Sampdoria di MIhajlovic espugna il campo del Chievo, con un gol di Eder, e sono 8 i punti nelle ultime 4 giornate, sarebbero stati 10 se proprio la Lazio non avesse pareggiato a Genova al minuto 95.

Il Toro, mai così su in classifica negli ultimi dieci anni, espugna Udine: 0-2 firmato Farnerud e Immobile e Guidolin che, col solito tono da chi dopo 50 Ave Maria sente di aver pregato troppo poco, dichiara che se il problema è lui è pronto a farsi da parte.

Tre pareggi nelle sfide tra Parma-Cagliari, Catania-Verona (doppio 0-0) e Genoa-Atalanta (1-1 firmato Bertolacci e De Luca).

Sorteggi europei: va bene forse solo alla Lazio, che ha preso il Ludogorets (mai sottovalutare però le squadre rivelazione), sarebbe andata bene anche a Fiorentina e Juventus (rispettivamente Esbjerg e Tabzonspor) se non fosse che una crudele pallina estratta da Ferrara le metterebbe contro se entrambe passassero agli ottavi. Atletico Madrid per il Milan e Swansea per il Napoli, sono due partite più difficili di quanto potrebbero sembrare sulla carta.

 

BlinkListDiggFacebookFurlGoogleLinkedInLiveMySpaceNetscapeNetvibesNewsVineOk NotiziePliggPliggaloPostanotiziePrintRankaloSegnaloStumbleUponTechnoratiTechnotizieTwitterYahooBuzzdel.icio.usemailfainformazione.it

Commenti

Per poter lasciare un commento devi prima effettuare il login o registrarti al sito.