Strict Standards: Only variables should be passed by reference in /web/htdocs/www.mpnews.it/home/archivio/config/routing.php on line 4
MP News | Archivio
collabora redazione chi siamo


lunedì 06 luglio 2020

  • MP News
  • Sport

CALCIO - Europa League - Non basta il cuore, il pari di Sofia condanna i biancocelesti

In Bulgaria termina l'avventura europea di Reja. Fatale la gara d'andata all'Olimpico, ma gravi gli errori di Marchetti

27.02.2014 - Valerio Cassetta



CALCIO - Europa League - Ludogorets-Lazio 3-3. Le pagelle biancocelesti

Keita e Perea: due gol d'autore. Biglia superlativo, migliore in campo. Marchetti: il giorno sbagliato per tornare tra...
Leggi l'articolo

CALCIO - Europa League - Lazio sconfitta: il Ludogorets espugna l'Olimpico

Primo tempo da incubo per i biancocelesti che vanno sotto al 45'. Un rigore fallito e un'espulsione per parte. VIDEO
Leggi l'articolo

CALCIO - Europa League - Lazio-Ludogorets 0-1. Le pagelle biancocelesti

Lazio molle e imprecisa, Keita il più pericoloso. F. Anderson si procura un rigore e se lo fa parare. Cavanda...
Leggi l'articolo

CALCIO - IL PUNTO SULLA LAZIO

Tutte le partite della S.S. Lazio commentate da Laura Cigna, conduttrice della trasmissione “Olympia &...
Leggi l'articolo

Ludogorets Lazio

IL PRE PARTITA - "Dobbiamo cercare immediatamente di proporre in gioco. Dobbiamo vincere e dobbiamo subito prendere in mano l'iniziativa. Loro sono bravi a gestire la palla, ma qui bisogna cercare di sbloccare il risultato già nel primo tempo. Sarebbe importante andare avanti in questa avventura". Così diceva Reja durante la conferenza stampa di rito alla vigilia della gara contro il Ludogorets. Si può dire che i giocatori in campo abbiano realizzato a metà il pensiero del tecnico goriziano.

LA PARTITA - L'avvio di gara da parte dei biancocelesti è a dir poco scoppiettante: dopo appena 16" Keita realizza l'1-0, superando Stojanov con un pallonetto. Innestata la gara sui giusti binari, la Lazio si getta alla ricerca del secondo gol. Il pressing, operato dalle punte e dai centrocampisti sui portatori di palla, induce i bulgari all'errore durante l'impostazione della manovra offensiva. Candreva e compagni cercano di alzare il ritmo e, quando aumentano l'intensità, i padroni di casa vanno in affanno. Così Reja chiede ai suoi di premere sull'acceleratore anche in avvio di ripresa e viene subito accontentato: al 53' Perea firma il 2-0, sfruttando una ripartenza di Onazi in contropiede. I capitolini giocano sul velluto ma, quando ormai tutto lascia pensare a un'ordinaria amministrazione del vantaggio acquisito, succede l'imponderabile: Bezjak accorcia le distanze al 66' con un destro deviato da Biava. Lo Stadio Nazionale di Sofia si riaccende e la Lazio non reagisce. Passano dieci minuti e il Ludogorets pareggia i conti: Zalinski tira dalla distanza, Marchetti para in due tempi, ma lascia rimbalzare la palla dentro la linea di porta. Pur restando dubbi sul fatto che la palla abbia completamente varcato linea bianca (secondo Sky no), l'arbitro convalida il 2-2. Con questo parziale, la Lazio sarebbe fuori dai giochi e il tempo scorre inesorabile. Ledesma lancia lungo per la testa di Biglia, il centrocampista schiaccia di testa, respinta corta di Stojanov: si avventa Klose, che come un rapace sigla il gol del 2-3 all'81'. Mancano pochi minuti alla fine del match e Reja inserisce Gonzalez per coprirsi. Tuttavia, la mossa non dà gli esiti sperati: Konko e Marchetti combinano un disastro in area di rigore, Quixada ringrazia e a porta vuota sigla il nuovo e definitivo pareggio che condanna la Lazio. Finisce a Sofia l'avventura dei biancocelesti in Europa League.

L'ANGOLO TATTICO - Reja prepara la gara in modo ottimale: la Lazio spinge fin da subito, trovando il vantaggio con Keita dopo neanche un minuto. L'atteggiamento aggressivo della difesa insieme al pressing dei centrocampisti non permette al Ludogorets di far partire la manovra di gioco. Tuttavia, sul parziale di 2-0, la squadra capitolina cala l'attenzione, consentendo ai bulgari di tornare in gara. Di fronte ad amnesie individuali Reja può poco o nulla. L'intero pacchetto arretrato biancoceleste non dà mai sicurezza, risultando a tratti peggiore di quella bulgaro.


IL TABELLINO
Europa League - Ludogorets-Lazio 3-3

Marcatori: 1' Keita, 54' Perea, 67' Bezjak,78' Zlatinski,82' Klose, 88' Quixada

LUDOGORETS (4-2-3-1): Stoyanov; Caiçara, Mäntylä (84' Quixada), Moţi, Minev; Espinho, Zlatinski; Misidjan, Marcelinho (77' Michel Platini), Aleksandrov (56' Lumu); Bezjak.
Allenatore: Stoev. A disposizione: Čvorović, Choco, Terziev, Dani Abalo

LAZIO (4-3-3): Marchetti; Konko, Biava, Ciani, Radu; Onazi, Ledesma, Biglia; Candreva (64' Lulic), Perea (71' Klose), Keita (84' Gonzalez). Allenatore: Reja. A disposizione: Berisha, Cana, Mauri, Kakuta

Arbitro: Olegario Manuel Bartolo Faustino Benquerença (POR)
Assistenti: Ricardo Jorge Ferreira, Santos, Rui Licino Barbosa Tavares

IV uomo: Nuno Filipe Dos Santos Tomàs Pereira

Add: Manuel Jorge Neves Moreira De Sousa, Artur Manuel Ribeiro Soares Dias.

Ammoniti: Bezjak (Lud), Konko (Laz), Keita (Laz),Moţi(Lud), Perea (Laz),Zlatinski (Lud)
Recupero: 3' st

 

BlinkListDiggFacebookFurlGoogleLinkedInLiveMySpaceNetscapeNetvibesNewsVineOk NotiziePliggPliggaloPostanotiziePrintRankaloSegnaloStumbleUponTechnoratiTechnotizieTwitterYahooBuzzdel.icio.usemailfainformazione.it

Commenti

Per poter lasciare un commento devi prima effettuare il login o registrarti al sito.