Strict Standards: Only variables should be passed by reference in /web/htdocs/www.mpnews.it/home/archivio/config/routing.php on line 4
MP News | Archivio
collabora redazione chi siamo


martedì 21 gennaio 2020

  • MP News
  • Sport

RECENSIONE - Il romanticismo di Brahms incanta il pubblico di Santa Cecilia

Lonquich e i solisti dell'Accademia di Santa Cecilia insieme per la stagione di musica da camera

06.04.2014 - Simone Di Tommaso



CALCIO - Ecco i trenta pre-convocati di Prandelli per il Mondiale

Il 19 maggio 2014 il raduno a Coverciano. Ci saranno anche Darmian, Paletta, Romulo. Mirante convocato a scopo...
Leggi l'articolo

CALCIO - Mondiali, un fallimento annunciato

Niente alibi: non il clima, non il girone, non l'arbitraggio, l'Italia indietro rispetto ad altre nazioni. Nazionale...
Leggi l'articolo

CALCIO – Italia-Argentina 1-2, gol di Higuain, Banega e Insigne

Ampio il divario tecnico e atletico con i sudamericani: azzurri poco incisivi, Marchetti decisivo in tre occasioni...
Leggi l'articolo

CALCIO – Italia-Argentina – La conferenza stampa di Candreva e De Rossi - Video integrale

Il laziale: “un’emozione incredibile incontrare il Papa”. Il romanista: “il nostro calcio...
Leggi l'articolo

Un pianista virtuoso e ben quattro solisti dell'orchestra dell'Accademia Nazionale di Santa Cecilia hanno eseguito, venerdì 4 aprile, uno straordinario concerto tutto incentrato sui lavori da camera di Johannes Brahms, di certo il più grande compositore romantico dell'Ottocento.
Alexander Lonquich, presenza ormai abituale sul palco ceciliano, ha accompagnato al pianoforte dapprima il violino e il corno e, di seguito, il clarinetto e il violoncello. Al violino troviamo Carlo Maria Parazzoli, al corno Alessio Allegrini, al clarinetto Alessandro Carbonare e, infine, Gabriele Geminiani al violoncello.
Il programma è iniziato con il Trio per pianoforte, violino e corno in mi bemolle maggiore op. 40. La delicatezza e l'armonia tra i tre variegati strumenti è massima. Nei quattro movimenti, il suono del violino e il suono del corno si fondono tra loro e riescono ad accompagnare il pianoforte in un modo piuttosto originale. I primi due movimenti, l'Andante e lo Scherzo, mescolano malinconia e onirismo. L'Adagio mesto evoca, invece, tristezza e rassegnazione. La migliore critica musicale riconduce il tema del terzo movimento al lutto per la perdita della madre che ha colpito Brahms durante la composizione dell'opera. Il movimento finale, l'Allegro con Brio, si caratterizza per un impeto e un fragore inusitato.
Al Trio è seguito l'op. 18, ovvero i famosi Sei Pezzi per pianoforte. Qui Lonquich ha esaltato le virtù dello strumento e, con una melodia coinvolgente e raffinata, è riuscito nell'intento di far cadere il pubblico quasi in visibilio. Tra i sei è il secondo pezzo quello che ha suscitato più emozioni. L'Intermezzo. Andante teneramente in la maggiore è, a tratti, commovente. L'armonia rimane, comunque, calda, fantasiosa e romantica.
La seconda parte della serata è occupata dal Trio per clarinetto, violoncello e pianoforte in la minore op. 114. Scritto da Brahms nell'estate del 1891, il Trio coniuga insieme uno strumento a fiato, uno strumento a tastiera e un arco. Il risultato è strabiliante. Come già nell'op. 40 i movimenti sono quattro. Il primo, Allegro, alla breve, esalta le virtù del clarinetto. L'Adagio è, di contro, un movimento enigmatico che associa, da una parte, il dolore e, dall'altra, il sogno. Il terzo movimento, l'Andantino grazioso, presenta un motivo danzante di delicata morbidezza. L'Allegro, che conclude il Trio, è improntato a freschezza ed eleganza.
Il bis, concesso dall'ensemble, dopo ripetute chiamate da parte del pubblico ha visto la ripetizione dell'ultimo pezzo.

 

Venerdì 4 aprile 2014

Auditorium Parco della Musica - Sala Sinopoli

Alexander Lonquich - pianoforte

Alessandro Carbonare - clarinetto

Alessio Allegrini - corno

Carlo Maria Parazzoli - violino

Gabriele Geminiani - violoncello

 

Programma:

Johannes Brahms - Trio per pianoforte, violino e corno in mi bemolle maggiore op. 40

Johannes Brahms - Sei pezzi per pianoforte op. 118

Johannes Brahms - Trio per clarinetto, violoncello e pianoforte in la minore op. 114

BlinkListDiggFacebookFurlGoogleLinkedInLiveMySpaceNetscapeNetvibesNewsVineOk NotiziePliggPliggaloPostanotiziePrintRankaloSegnaloStumbleUponTechnoratiTechnotizieTwitterYahooBuzzdel.icio.usemailfainformazione.it

Commenti

Per poter lasciare un commento devi prima effettuare il login o registrarti al sito.