Strict Standards: Only variables should be passed by reference in /web/htdocs/www.mpnews.it/home/archivio/config/routing.php on line 4
MP News | Archivio
collabora redazione chi siamo


lunedì 28 settembre 2020

  • MP News
  • Sport

RECENSIONE - Langrée e Buchbinder insieme per un omaggio a Brahms

A Santa Cecilia l'esecuzione di due capolavori del Romanticismo tedesco

15.04.2014 - Simone Di Tommaso



CALCIO - La Lazio presenta Louis Laurent Saha

L'attaccante francese ex Manchester United si è già allenato con il gruppo
Leggi l'articolo

CALCIO - Ecco i trenta pre-convocati di Prandelli per il Mondiale

Il 19 maggio 2014 il raduno a Coverciano. Ci saranno anche Darmian, Paletta, Romulo. Mirante convocato a scopo...
Leggi l'articolo

CALCIO - Mondiali, un fallimento annunciato

Niente alibi: non il clima, non il girone, non l'arbitraggio, l'Italia indietro rispetto ad altre nazioni. Nazionale...
Leggi l'articolo

CALCIO – Italia-Argentina 1-2, gol di Higuain, Banega e Insigne

Ampio il divario tecnico e atletico con i sudamericani: azzurri poco incisivi, Marchetti decisivo in tre occasioni...
Leggi l'articolo

Johannes Brahms è il grande protagonista del concerto andato in scena lunedì 14 aprile.
Come già accaduto nel concerto dedicato ai compositori russi della settimana scorsa, il maestro designato Yuri Temirkanov ha confermato il forfait per motivi di salute. Al suo posto è subentrato un ottimo direttore francese che già aveva debuttato a Santa Cecilia nel 2008, Louis Langrée. Dal podio ha diretto magistralmente l'orchestra e il pianistra Rudolf Buchbinder nell'esecuzione di due capolavori brahmsiani, il ‘Concerto n. 2 per pianoforte e orchestra' e la ‘Sinfonia n. 4', senza dubbio due delle più alte vette del sinfonismo ottocentesco, due opere che appartengono al periodo più proficuo e maturo del compositore.
Buchbinder non ha bisogno di presentazioni. E' uno dei migliori pianisti viventi e tra i più ammirati. Ha uno stile inconfondibile ed è dotato di classe sovraumana. Insomma, un grande interprete per una delle più conosciute e ardite composizioni del repertorio concertistico classico.
Il ‘Concerto n. 2 per pianoforte e orchestra', pensato nel 1881, è un pezzo monumentale ed innovativo che rappresenta, senza dubbio, l'unione formalistica tra il genere concertistico e il genere sinfonico. Per la prima volta, a partire da Vivaldi, i movimenti passano da tre e quattro. Le proporzioni aumentano a dismisura, dando luogo a nuovi significati ed immagini. Brahms aggiunge, difatti, uno Scherzo maestoso denso di ironia. In una lettera indirizzata alla cara amica Elisabeth von Herzogenberg, il compositore afferma: "Sto scrivendo un piccolo concerto per pianoforte con un piccolo scherzo molto grazioso. È in si bemolle; e benché questa sia un'ottima tonalità, temo di averla utilizzata troppo spesso". In realtà, l'opera risponde a ben altre caratteristiche, ponendosi sin da subito come un vero e proprio capolavoro, dal sapore romantico e appassionato.
Il primo movimento, ‘Allegro non troppo', è costruito secondo lo schema della forma-sonata, con una doppia esposizione. Dopo un fraseggio trasognante dei corni, entra in scena il vero protagonista dell'opera, il pianoforte, che introduce un dialogo serrato con l'intero corpo orchestrale. L'‘Allegro appassionato', in re minore, è lo Scherzo di matrice sinfonica del Concerto ed è caratterizzato da drammaticità, agitazione ed inquietudine. Il terzo movimento, ‘Andante' è in si bemolle maggiore, è la vera pagina romantica della composizione. Al pianoforte si affianca, nell'episodio centrale, il violoncello solo. L'interpretazione data da Luigi Piovano è da brividi. Il finale è un ‘Allegretto grazioso' concepito nella forma di rondò che riprende in più punti melodie di origine popolare. Il pizzicato degli archi, anticipato da una rapida scala ascendente del pianoforte, segna la fine di un pezzo di assoluto lirismo.
La seconda parte della serata ha visto l'esecuzione della Sinfonia n. 4, a detta di molti la più grande creazione sinfonica dopo la Nona di Beethoven. Composta da Brahms tra il 1884 e il 1885, la sinfonia presenta un impianto grandioso. L'elaborazione motivica raggiunge un livello di complessità senza precedenti. I quattro movimenti, costruiti in modo piuttosto ardito, sono collegati tra loro in modo mirabile.
Il primo movimento comincia con l'esposizione inaspettata di un tema cantabile e malinconico. L'atmosfera è nostalgica e di inafferrabile bellezza. Il movimento successivo, ‘Andante moderato', segna l'incontro tra la serenità e la drammaticità. Sembra quasi che il compositore tratteggi la natura umana, sempre in bilico tra sentimenti di opposta fattura. Nell'‘Allegro giocoso' la situazione si fa festosa. La spensieratezza, raffigurata dal suono del triangolo, prende il sopravvento. Il culmine dell'intera sinfonia è il quarto ed ultimo movimento, costruito da Brahms sulla forma della musica antica: l'‘Allegro energico e passionato' è costituito da una ciaccona, o meglio una passacaglia di bachiana memoria, che consiste in una serie di mirabili variazioni su un tema al basso. Il risultato è semplicemente straordinario. L'unione tra il contrappunto barocco e il sinfonismo classico trova nella sinfonia il punto di massima espressione.
Ottima la prova del direttore Langrée. Ha accompagnato l'intero impianto orchestrale con sapiente puntualità e con grande espressività, non facendo compiangere - per quanto possibile - l'assenza dell'amato Temirkanov. Gli applausi del pubblico ceciliano sono scroscianti e pieni di ammirazione. Dopotutto, Brahms rimane sempre Brahms, ovvero l'unico degno erede dell'immenso Beethoven.

Lunedì 14 aprile 2014, ore 20.30
Auditorium Parco della Musica di Roma - Sala Santa Cecilia
Direttore: Louis Langrée
Pianoforte: Rudolf Buchbinder
Orchestra dell'Accademia Nazionale di Santa Cecilia

Programma:
Johannes Brahms - Concerto n. 2 in si bemolle maggiore per pianoforte e orchestra op. 83
Johannes Brahms - Sinfonia n. 4 in mi minore op. 98

 

BlinkListDiggFacebookFurlGoogleLinkedInLiveMySpaceNetscapeNetvibesNewsVineOk NotiziePliggPliggaloPostanotiziePrintRankaloSegnaloStumbleUponTechnoratiTechnotizieTwitterYahooBuzzdel.icio.usemailfainformazione.it

Commenti

Per poter lasciare un commento devi prima effettuare il login o registrarti al sito.