Strict Standards: Only variables should be passed by reference in /web/htdocs/www.mpnews.it/home/archivio/config/routing.php on line 4
MP News | Archivio
collabora redazione chi siamo


sabato 18 gennaio 2020

  • MP News
  • Sport

CALCIO - Coppe europee: al via 239 club, dalla Spagna regina alla cenerentola Gibilterra

Nel 2014/15 77 squadre in Champions League e 162 in Europa League in rappresentanza di 54 Federazioni affiliate all'Uefa

01.08.2014 - Luca Sabatano



CALCIO-UCL - Tutti i segreti del Ranking UEFA

Italia all'attacco del terzo posto per riavere quattro squadre in Champions League nella stagione 2017/2018
Leggi l'articolo

CALCIO - Coppe Europee: 80 squadre nella fase a gironi

In Champions la Roma pesca il Barcellona, la Juve Siviglia e Manchester City. In EL più fortuna per Lazio,...
Leggi l'articolo

CALCIO – IL PUNTO SULL’EUROPA – Il Real fallisce la remuntada. Basilea e Fenerbahce eliminate

CL: Bayern – Borussia, finale tutta tedesca a Wembley. EL: Chelsea - Benfica ad Amsterdam
Leggi l'articolo

Coppe Europee


LE COPPE - In pochi si saranno accorti che, mentre all'Arena Corinthians di San Paolo Argentina e Svizzera si giocavano l'accesso ai quarti di finale della Coppa del Mondo - davanti a 64mila spettatori e circa 700 milioni di telespettatori - il primo luglio scorso, dall'altra parte del Pianeta, Jeunesse Esch e Dundalk FC, al cospetto di ben 759 spettatori, aprivano ufficialmente la 44esima edizione dell'Europa League, giocando l'andata del primo turno preliminare. Per la cronaca, la partita giocata allo stadio La Frontiere di Esch-sur-Alzette, in Lussemburgo, è stata vinta dagli irlandesi per 2-0, grazie alla doppietta del ventitreenne Richie Towell. Poche ore dopo, in Andorra, FC Santa Coloma e Banants Yerevan davano il via anche alla sessantesima edizione della Champions League, con l'andata del primo turno preliminare, vinto dagli iberici per 1-0.

239 CLUB - All'edizione 2014/2015 delle Coppe europee partecipano 239 club, di cui 77 in Champions League e 162 in Europa League, in rappresentanza di 54 Federazioni affiliate all'Uefa. Una in più rispetto all'anno scorso, perché fa il suo storico esordio nelle competizioni continentali Gibilterra, con due club, uno per coppa. Ad oggi, dopo due turni preliminari in entrambe le competizioni, sono state eliminate 20 squadre in Champions League e 79 in Europa League. Ne restano in gara quindi 140.

20 DEBUTTANTI - Oltre alle due squadre dello Stretto - Lincoln FC in Champions ed Europa College in Europa League - sono altri 20 i club debuttanti nelle due competizioni europee, tre in più rispetto all'anno scorso. Tra le esordienti si segnalano l'Hull City, finalista perdente della coppa d'Inghilterra contro l'Arsenal, e il PEC Zwolle, vincitore a sorpresa della Coppa d'Olanda. Austria e Russia hanno più squadre esordienti, due ciascuna, come Gibilterra.

RITORNI - Tra i ritorni eccellenti di questa stagione, due meritano una menzione particolare: il Torino, che mancava dall'edizione 1993-94 della Coppa delle Coppe (eliminato ai quarti di finale dall'Arsenal, poi vincitore in finale contro il Parma), e gli ucraini dello Zorya Lugansk, assenti addirittura da 40 anni. All'epoca, quando la città che ha dato i natali a Bubka e Zavarov si chiamava ancora Voroshilovgrad, lo Zorya vinse uno storico campionato nell'ex Unione Sovietica e prese parte alla Coppa dei Campioni edizione 1973-74, unico suo precedente nelle Coppe europee. Oggi, purtroppo, la città di Lugansk è nota per le tristi vicende che riguardano l'Ucraina, essendo passata in mano ai ribelli filorussi. A tal proposito, il 16 luglio, il Panel di Emergenza UEFA ha deciso che le squadre russe e quelle ucraine non potranno affrontarsi fino a nuovo avviso.

ASSENTI - Da segnalare invece, tra le assenze eccellenti in questa stagione, quelle di Manchester United (6° posto nel ranking Uefa), Milan (11° posto) e Valencia (8° posto). Quest'ultima mancherà dopo 10 partecipazioni consecutive, il Milan dopo 15 anni e il Manchester United addirittura dopo 22 anni di continuità (ultima assenza 1991-92).

FORMAT - Fatta eccezione per le partite in più dovute alla partecipazione di Gibilterra, il format delle due Coppe è lo stesso dell'anno scorso: in Champions League ci sono 22 squadre già qualificate alla fase a gironi - tra le quali Juventus e Roma - mentre altri 55 club (compreso il Napoli) si contenderanno i rimanenti 10 posti disponibili attraverso tre turni preliminari e uno di playoff; in Europa League, invece, sono solo 7 le formazioni già qualificate per la fase a gironi, cui si aggiungeranno le 8 terze provenienti dai gironi della Champions League. Gli altri 33 posti se li contenderanno i 155 club impegnati nei tre turni preliminari e nei playoff della stessa Europa League, cui si aggiungeranno altre 25 squadre eliminate dalla Champions tra il terzo turno preliminare e i playoff.
La Champions League si concluderà il 6 giugno a Berlino, per la prima volta sede di una finale per club. La data è abbastanza anomala, visto che nelle precedenti 59 edizioni solo tre volte la finale si è giocata a giugno e non a maggio: nella prima edizione del 1956 a Parigi, nel 1959 a Stoccarda (in entrambi i casi finale Real Madrid-Stade de Reims) e nel 1971 a Londra (Ajax-Panathinaikos). La finale di Europa League, invece, si disputerà il 27 maggio a Varsavia, prima volta in Polonia.

REAL MADRID- Guardando nel dettaglio la lista delle partecipanti alla Champions League, rispetto alla sua storia, va segnalato che in questa edizione ci sono pochi primati che si potrebbero superare o eguagliare. Va detto subito che il Real Madrid rimarrà comunque la squadra con più successi (10), seguita dal Milan (7), perché le più dirette concorrenti in gara hanno 5 titoli (Bayern Monaco e Liverpool) o 4 (Barcellona e Ajax). Allo stesso modo, il Real resterà il club con più partite giocate (370), davanti a Bayern Monaco (271) e Barcellona (247). Con riferimento all'Italia, se la Juventus arrivasse in finale, aggiungerebbe 13 partite alle 213 già giocate, ma non le basterebbero per insidiare il primato italiano del Milan (assente in questa edizione), che ne ha totalizzate 241.

ALLENATORI - Parlando di allenatori, Carlo Ancelotti, in caso di successo finale, guadagnerebbe la sua quarta coppa e sarebbe in assoluto l'allenatore più vincente del Torneo. Primato che attualmente condivide con Bob Paisley, ex tecnico del Liverpool, ma che potrebbe essere eguagliato anche da Josè Mourinho o Pep Guardiola, fermi a due successi. Guardiola, a sua volta, in caso di vittoria, eguaglierebbe un altro primato del tecnico italiano, detenuto insieme a Mourinho e ad altri tre allenatori: aver vinto la Coppa dei Campioni con due club diversi (gli altri tre sono Happel, Hitzfeld e Heynckes). Impossibile invece battere il record di 194 presenze in panchina di Sir Alex Ferguson, visto che il più diretto inseguitore, Arsene Wenger, ne ha 164, seguito da Ancelotti con 126 e Mourinho a quota 119.

RETI - Due primati, invece, sono quasi sicuramente destinati a essere superati in questa edizione. Si tratta del maggior numero di reti segnate in Champions League e del maggior numero di presenze da calciatore. Il primo record appartiene a Raùl, autore di ben 71 gol con le maglie di Real Madrid e Schalke 04, assente però dalle competizioni europee dal 2012, essendosi trasferito in Qatar. Traguardo facilmente raggiungibile, salvo imprevisti, sia da Lionel Messi che da Cristiano Ronaldo, entrambi a 67 gol, a sole 4 reti dallo spagnolo. Proverà ad avvicinarsi anche Zlatan Ibrahimovic, ma quasi sicuramente non basterà questa edizione, essendo più staccato a quota 45. Il secondo record appartiene a Ryan Giggs, con 145 presenze, tutte nel Manchester United. Tolto Raùl, fermo a 142, il gallese è incalzato da Xavi del Barcellona, con 141 presenze, e da Iker Casillas del Real Madrid a quota 140. Più staccati ci sono altri giocatori che in questa edizione hanno la possibilità di incrementare il loro bottino: Ashley Cole (106), Cech (103), Cristiano Ronaldo (103), Lampard (102) e Andrea Pirlo, primo italiano con 98 presenze.

SPAGNA - Infine, con riferimento alla classifica per nazioni, comunque vada a finire la stagione, la Spagna resterà la regina d'Europea con più successi di club, tra Champions League, Europa League e Supercoppa: 47 trofei (compresa la Supercoppa in arrivo, visto che se la giocheranno Real Madrid e Siviglia), davanti ai 38 di Italia e Inghilterra e ai 18 della Germania.

 

BlinkListDiggFacebookFurlGoogleLinkedInLiveMySpaceNetscapeNetvibesNewsVineOk NotiziePliggPliggaloPostanotiziePrintRankaloSegnaloStumbleUponTechnoratiTechnotizieTwitterYahooBuzzdel.icio.usemailfainformazione.it

Commenti

Per poter lasciare un commento devi prima effettuare il login o registrarti al sito.