Strict Standards: Only variables should be passed by reference in /web/htdocs/www.mpnews.it/home/archivio/config/routing.php on line 4
MP News | Archivio
collabora redazione chi siamo


lunedì 27 gennaio 2020

  • MP News
  • Sport

CALCIO - TIM CUP - La Lazio affonda il Bassano Virtus

Con un 7-0 maturato interamente nel secondo tempo Pioli si assicura il passaggio del turno. Lutto per la scomparsa di Aldo Donati

25.08.2014 - Simone Di Tommaso



CALCIO – La Virtus Eur inizia il suo cammino

La squadra, capitanata dal presidente Fiorentino, ha tutte le carte in regola per affermarsi in terza categoria
Leggi l'articolo

CALCIO - IL PUNTO SULLA LAZIO

Tutte le partite della S.S. Lazio commentate da Laura Cigna, conduttrice della trasmissione “Olympia &...
Leggi l'articolo

NUOTO - Anche le Aquile cinguettano

La SS Lazio Nuoto sbarca su Twitter.
Leggi l'articolo

CALCIO – La Lazio celebra il centenario della nascita di Silvio Piola

Una maglia in 913 esemplari, una mostra e una via di Roma dedicate al più grande bomber italiano
Leggi l'articolo

Lazio - Bassano Virtus

BUONA LA PRIMA - Meglio di così la stagione biancoceleste non poteva cominciare. Certo, l'avversario si chiama Bassano Virtus ed è una squadra semisconosciuta del Nord che milita in Lega Pro. Però, almeno in una frazione di gioco, la seconda, si sono visti ottimi movimenti e una coralità di gioco che lascia ben sperare in vista del difficile impegno in trasferta contro il Milan previsto per la prima partita di campionato. Il 7-0 finale dice tutto su quanto accaduto allo Stadio Olimpico. Il passaggio del turno nella Tim Cup è ormai archiviato. Il prossimo avversario sarà il Varese a dicembre. Fino ad allora il pensiero dovrà essere rivolto esclusivamente al campionato, non avendo la Lazio altre competizioni.

LE FORMAZIONI - Pioli, che deve fare a mano degli infortunati Marchetti e Onazi, schiera il consueto 4-3-3. Davanti alla porta difesa da Berisha, il quartetto difensivo, per metà inedito, è composto dalla coppia centrale De Vrij e Cana e dai laterali Basta e Radu. A centrocampo Ledesma agisce da regista. Ai suoi lati Lulic e Parolo. Davanti, Djordjevic, Keita e Felipe Anderson.

RETI INVIOLATE - Lo Stadio Olimpico è insolitamente affollato in Tribuna Tevere, quasi esaurita (9.500 paganti il dato ufficiale diffuso a fine gara), considerati anche i prezzi popolari di soli 10 euro: così è la Tevere a prendere il posto della Curva Nord (quasi disabitata) nell'accompagnare la squadra verso il primo successo stagionale. Gli occhi dei tifosi sono lucidi per la prematura scomparsa di Aldo Donati, cantore dei colori biancocelesti e autore del famoso inno "So' già du' ore". La Lazio scende in campo con il lutto al braccio. I primi 45 minuti non sono entusiasmanti. La partita sembra un'amichevole estiva, uno di quegli incontri necessari a consolidare movimenti e sincronia. Il Bassano si chiude strenuamente in difesa, ben messo in campo da Asta. La Lazio la fa però da padrone. Le uniche occasioni da gol partono dai piedi di Keita e di Felipe Anderson, già dal precampionato in grande spolvero. I vari tiri verso la porta difesa dal portiere Rossi sono inefficaci. Il primo tempo si chiude a reti inviolate.

A VALANGA - La seconda frazione di gioco è completamente diversa dalla prima. Pioli richiama in panchina Felipe Anderson e mette in campo Antonio Candreva. Per l'esterno di Tor de' Cenci bastano solo 30 secondi per mettersi in mostra e regalare il vantaggio alla propria squadra con un destro potente ed imparabile. Dopo qualche minuto il nuovo acquisto De Vrij sventa il tentativo di pareggiare il conto da parte del Bassano Virtus. Questa l'unica vera occasione per gli ospiti. Poi il tracollo. In 6 minuti segnano Keita e De Vrij che si conferma difensore con il fiuto del gol. La partita è virtualmente chiusa. Al 68' è ancora il baby bomber biancoceleste a insaccare con un meraviglioso pallonetto a distanza ravvicinata. Pioli sostituisce Ledesma con Biglia e il buon Djordjevic con il neo campione del mondo Miro Klose. Tutto lo stadio è in piedi per applaudire il bomber tedesco. I fischi dello scorso anno sono ormai solo un ricordo. All'80' è il turno di Parolo che, nonostante una prestazione incolore, bagna il debutto in maglia biancoceleste con un gol così come Basta, con Keita tra i veri mattatori della partita, qualche minuto più tardi. Al 92' è Miro Klose a fissare il punteggio sul definito 7-0 e dopo aver regalato sprazzi di pura classe tra un dribbling consecutivo su tre avversari e scatti degni della migliore condizione. La partita è archiviata.

LA CONFERENZA STAMPA DI PIOLI A FINE PARTITA

IL TABELLINO
LAZIO-BASSANO VIRTUS 7-0
Marcatori: 46' Candreva (L), 53' Keita (L), 59' De Vrij (L), 68' Keita (L), 80' Parolo (L), 87' Basta (L), 92' Klose (L)

Lazio (4-3-3): Berisha; Basta, De Vrij, Cana, Radu; Parolo, Ledesma (66' Biglia), Lulic; Felipe Anderson (46' Candreva), Djordjevic (70' Klose), Keita. A disposizione: Strakosha, Guerrieri, Ciani, Novaretti, Braafheid, Pereirinha, Mauri, Cataldi, Tounkara. All. Pioli

Bassano Virtus (4-2-3-1): Rossi; Toninelli, Priola, Bizzotto, Semenzato (56' Stevanin); Cenetti (50' Cattaneo), Proietti; Furlan, Iocolano, Davì; Maistrello (76' Munarini). A disposizione: Grandi, Zanella, Cortesi, Bortot. All. Asta

Arbitro: Marco Di Bello (sez. Brindisi)
Assistenti: Longo, Posado
IV uomo: Baracani

Note: Ammoniti Cana (L)
Recuperi: 1' pt; 2' st

 

BlinkListDiggFacebookFurlGoogleLinkedInLiveMySpaceNetscapeNetvibesNewsVineOk NotiziePliggPliggaloPostanotiziePrintRankaloSegnaloStumbleUponTechnoratiTechnotizieTwitterYahooBuzzdel.icio.usemailfainformazione.it

Commenti

Per poter lasciare un commento devi prima effettuare il login o registrarti al sito.