Strict Standards: Only variables should be passed by reference in /web/htdocs/www.mpnews.it/home/archivio/config/routing.php on line 4
MP News | Archivio
collabora redazione chi siamo


lunedì 27 gennaio 2020

  • MP News
  • Sport

CALCIO - Delio Rossi: "Il mio primo obiettivo con la Lazio è stato riportare la gente allo stadio"

"La sovraesposizione di Lotito con la Nazionale? Conoscendolo, mi sarei stupito del contrario"

13.09.2014 - Alessandro Staiti



CALCIO - Roma-Cesena 2-0. Le pagelle giallorosse

Destro puntuale in zona gol. De Rossi si sblocca. Male Iturbe
Leggi l'articolo

CALCIO – Italia-Argentina – La conferenza stampa di Candreva e De Rossi - Video integrale

Il laziale: “un’emozione incredibile incontrare il Papa”. Il romanista: “il nostro calcio...
Leggi l'articolo

CALCIO - IL PUNTO SULLA LAZIO

Tutte le partite della S.S. Lazio commentate da Laura Cigna, conduttrice della trasmissione “Olympia &...
Leggi l'articolo

NUOTO - Anche le Aquile cinguettano

La SS Lazio Nuoto sbarca su Twitter.
Leggi l'articolo

Delio Rossi ai tempi della Lazio


ALLO STADIO - Nella gara casalinga contro il Cesena i tifosi della Lazio torneranno allo stadio interrompendo una forma di protesta che durava da diversi mesi. Delio Rossi, intervenuto ai microfoni di Radio IES 99.8, sottolinea l'importanza del pubblico sugli spalti. "Quando sono arrivato alla Lazio dissi da subito che il mio obiettivo sarebbe stato quello di riportare la gente allo stadio. Alla fine il nostro lavoro ha pagato e ci sono riuscito. Era una partita importante ma quella sera siamo riusciti a far esultare uno stadio intero alzando una coppa al cielo. Ora sapere che si contano le mille presenze in più o in meno è un po' triste. Io non so se la situazione si possa sanare, perché ormai è un fatto di fastidio a pelle tra tifosi e società, anche se non dobbiamo mai dimenticare che la miglior medicina sono sempre i risultati. La società ha un solo modo per riavvicinare la gente, allestire una squadra importante. Capace di competere per risultati ambiziosi. La sua sovraesposizione con la nazionale in questi giorni? Conoscendo la persona non sono stupito mi avrebbe sorpreso il contrario".

DE VRIJ - Il mercato estivo ha consegnato a Pioli una squadra rinforzata rispetto allo scorso anno. La curiosità maggiore riguarda la coppia centrale di difesa: "De Vrij ha buone qualità ma ancora non può essere il dominante di difesa. È giovane e ancora non conosce la lingua. Ha bisogno di un compagno vicino capace di guidarlo, proprio per il suo modo di giocare molto esuberante e sempre alla ricerca dell'anticipo necessità di avere al suo fianco un calciatore che sappia coprirlo e dirigerlo. Non conosco ancora Gentiletti. Radu con me ha giocato quasi sempre centrale, poi io avevo la coppia centrale formata e qualche volta l'ho messo a sinistra. Giocare centrale di difesa è diverso, da laterale hai la linea come riferimento in mezzo invece si perde l'orientamento, i riferimenti diventano solo la porta e i compagni. Devi avere una visione di gioco completamente diversa. Cana attualmente avrebbe la personalità giusta e il carisma per essere il leader della difesa, ma non so se lui si sente difensore o centrocampista. Io ho sempre diffidato dai calciatori che si definiscono jolly. A mio avviso questa parola significa non essere eccellente in nessuna posizione".

DUALISMO- Nella nuova Lazio il dualismo tra Biglia e Ledesma è uno dei temi tattici più caldi. "La scelta dipende dalla lettura tattica che vuole l'allenatore. Se si cerca ordine e raziocinio Ledesma si fa preferire. Lui è bravissimo a scalare anche in difesa abbassandosi come terzo centrale e ricomporre la linea arretrata. Invece se l'idea è quella di avere un regista pure, Biglia potrebbe essere più adatto. Ledesma sbaglia tanti passaggi, ha un tasso altissimo di errore in fase di costruzione del gioco ma non dimenticate mai che non fa mai il passaggio semplice a un metro. Lui rischia molto e quindi è normale che possa commettere più errori di altri, però con le sue giocate riesce a muovere ad aprire il gioco delle squadre avversarie. Mauri? Ha grandissime capacità di inserimento, è bravissimo a servire il compagno riuscendo sempre a vederlo e soprattutto aggredisce gli spazi come pochi altri garantendo sempre pericolosità".

 

BlinkListDiggFacebookFurlGoogleLinkedInLiveMySpaceNetscapeNetvibesNewsVineOk NotiziePliggPliggaloPostanotiziePrintRankaloSegnaloStumbleUponTechnoratiTechnotizieTwitterYahooBuzzdel.icio.usemailfainformazione.it

Commenti

Per poter lasciare un commento devi prima effettuare il login o registrarti al sito.