Strict Standards: Only variables should be passed by reference in /web/htdocs/www.mpnews.it/home/archivio/config/routing.php on line 4
MP News | Archivio
collabora redazione chi siamo


lunedì 27 gennaio 2020

  • MP News
  • Sport

CALCIO - Lazio, buona la prima all'Olimpico

Gli undici di Pioli annichiliscono il Cesena con un rotondo 3-0. Sorpresa Braafheid e Gentiletti, la nuova difesa tiene

15.09.2014 - Simone Di Tommaso



CALCIO - Cesena-Lazio 2-1. Le pagelle biancocelesti

Lazio inguardabile al Manuzzi. Klose non basta a riprendere Defrel e l'autogol di Cataldi
Leggi l'articolo

CALCIO - La Lazio affonda al Manuzzi

Prova incolore, terzo posto più lontano. Il Cesena apre con Defrel, poi autogol di Cataldi. Klose, gol della...
Leggi l'articolo

CALCIO - Lazio-Cesena 3-0. Le pagelle biancocelesti

Biglia, Braafheid e Candreva i migliori in campo. Parolo in gol di testa, Mauri rileva Lulic e chiude la gara al...
Leggi l'articolo

CALCIO - La Roma riparte da Cesena, decisivo De Rossi

Dimenticata per un giorno la crisi di gioco e di risultati, sfida capitolina per il secondo posto in campionato
Leggi l'articolo

La Lazio festeggia il gol di Candreva

CERIMONIE - Dopo due settimane dal deludente esordio in campionato contro il Milan a San Siro, la Lazio debutta in casa contro il Cesena. L'impatto è straordinario. Finalmente, dopo più di cinque mesi dall'inizio della contestazione nei confronti della società, la Curva Nord e la tifoseria dei settori più caldi ritrovano una giusta sintonia, riempiendo lo stadio come non accadeva da tempo. "Presenti per il nome, il simbolo, i colori", recita uno striscione in Curva Nord. "Bentornati" è lo slogan scelto dalla società sui maxischermi. Forse il migliore epilogo per una vicenda che stava assumendo contorni grotteschi. Stare vicino alla squadra, dare supporto ai nuovi arrivati, stimolare i giocatori più rappresentativi, piangere nei momenti cupi e abbracciarsi in occasione dei gol: sono queste le sensazioni e le emozioni che mancavano, ne siamo certi, a migliaia di tifosi. Il resto è puro contorno. Il calcio senza pubblico diventa uno sport come un altro, nessun dubbio. E cosa poteva condire meglio il ritorno allo stadio della tifoseria se non una rotonda vittoria per 3-0? Solo i tre punti riescono ad allontanare le nubi della contestazione, almeno per il momento.
Della partita contro il Cesena ci ricorderemo per gli anni a venire anche per un grande tributo, quello dato dal Presidente Lotito e da tutto lo stadio - per una volta insieme - a quel grande campione che è Miro Klose. Prima della gara il campione del mondo della nazionale tedesca viene premiato con una targa in onore del grande trionfo ottenuto in Brasile. "Qui si fa la storia", recitava una canzone di Vasco. E quella di Klose è una storia che sarà ricordata da tutti gli amanti del calcio.
A impreziosire il pre partita, infine, la splendida voce di Velia Donati che ha ricordato la scomparsa del marito Aldo negli migliore dei modi: intonando con la sua splendida voce l'inno alla Lazio "So' già du' ore", attimi di vera e propria commozione.

SCHIERAMENTI - Pioli, all'esordio in campionato in casa mette i campo tutti i nuovi arrivati. In porta, come già accaduto a Milano, viene confermato Berisha, che sostituisce a tempo indeterminato l'infortunato Marchetti. La linea difensiva a quattro è praticamente inedita. L'infortunio di Radu costringe il tecnico a schierare Braafheid sulla fascia sinistra, una scommessa che può dirsi al momento vinta. Sulla fascia destra spazio a Basta. Al centro, troviamo la coppia Gentiletti e De Vrij. A centrocampo Biglia vince il ballottaggio con Ledesma. Ai suoi fianchi Lulic e Parolo, ex del Cesena. Il tridente offensivo è formato da Keita e Candreva e Djordjevic scelto al posto di Klose. Bisoli risponde con un 4-3-2-1.

LAZIO ALL'ATTACCO - Appena scesa in campo, la formazione di casa cerca di impensierire gli avversari dando prova di padronanza di gioco e di vitalità. Al 18', dopo un'occasione sprecata, è Candreva a portare in vantaggio i suoi con un destro potente che passa sotto le gambe del portiere bianconero. Il cross è del nuovo arrivato Braafheid. La classe dell'esterno di Tor de' Cenci fa il resto. L'esultanza dello stadio al gol di Candreva è indescrivibile. Sensazioni così mancavano da tempo. La Lazio diventa padrona del campo. Il Cesena, già alla mezz'ora, sembra ormai rassegnato. Candreva e, poi, Lulic impensieriscono ancora la retroguardia bianconera in due occasioni.

ANCORA GOL - La seconda frazione di gioco si apre sulla scia della prima, con i biancocelesti che non lasciano spazio alle giocate del Cesena. Lulic sbaglia un gol già fatto. È il preludio al raddoppio. Braafheid ancora una volta serve dalla fascia Candreva che spennella al volo un destro sul secondo palo. Da dietro arriva l'ex Parolo che di testa trafigge Leali: 2-0. L'esultanza di Parolo sotto la Curva Nord, in un ideale abbraccio con la tifoseria, è una delle fotografie della giornata. Al 60' è il turno di Klose che sostituisce uno stanco, ma mai domo, Djordjevic. Candreva sbaglia di poco la doppietta personale. Al 70' Pioli mette in campo Mauri, che riceve la fascia da capitano, per Lulic. Proprio Mauri sigla il gol del definitivo 3-0 su assist del campione del mondo Klose. La partita si chiude qui, con l'arrivo dei primi tre punti della stagione.
Una Lazio divertente chiude la pratica Cesena con il piglio della grande squadra. Certo, bisognerà vederla alla prova con avversari più probanti. Pioli è stato abile nel gestire lo spogliatoio dopo la disastrosa trasferta di Milano e a far tesoro di quel che di buono si era visto contro i rossoneri. La scommessa di mettere in campo contemporaneamente i sei nuovi acquisti del mercato estivo può dirsi ben vinta. Non bisogna, ora, addormentarsi sugli allori. Il lavoro e la voglia di far ricredere l'ambiente devono diventare punti fissi. Solo così il pubblico potrà essere definitivamente conquistato, lasciando alle spalle i residui della contestazione. Le possibilità per fare bene ci sono tutte. Se a queste si sommano impegno e volontà, ci si potranno togliere, tutti insieme, delle belle soddisfazioni.

 

IL TABELLINO
LAZIO-CESENA 3-0

Marcatori: 18' Candreva (L), 56' Parolo (L), 90' Mauri (L)

Lazio (4-3-3): Berisha; Basta, De Vrij, Gentiletti, Braafheid; Parolo, Biglia, Lulic (70' Mauri); Candreva, Djordjevic (60' Klose), Keita (42' Felipe Anderson).
A disposizione: Strakosha, Guerrieri, Novaretti, Cana Konko, Ledesma, Onazi, Pereirinha, Tounkara. All. Pioli

Cesena (4-3-1-2): Leali; Capelli, Volta, Lucchini, Renzetti (65' Giorgi); De Feudis (46' Mazzotta), Cascione, Coppola; Brienza; Rodriguez (46' Djuric), Marilungo.
A disposizione: Agliardi, Bressan, Magnusson, Perico, Krajnc, Zè Eduardo, Valzania, Garritano, Succi. All. Bisoli

Arbitro: Massimiliano Irrati (sez. Pistoia)
Assistenti: Stefani, Vivenzi
IV Uomo: Fiorito
ADD1: Rizzoli
ADD2: Minelli

Note: Ammoniti Lucchini (C), Parolo (L), Biglia (L), Braafheid (L)
Recupero: 2'pt; 3'st

 

BlinkListDiggFacebookFurlGoogleLinkedInLiveMySpaceNetscapeNetvibesNewsVineOk NotiziePliggPliggaloPostanotiziePrintRankaloSegnaloStumbleUponTechnoratiTechnotizieTwitterYahooBuzzdel.icio.usemailfainformazione.it

Commenti

Per poter lasciare un commento devi prima effettuare il login o registrarti al sito.