Strict Standards: Only variables should be passed by reference in /web/htdocs/www.mpnews.it/home/archivio/config/routing.php on line 4
MP News | Archivio
collabora redazione chi siamo


domenica 15 dicembre 2019

  • MP News
  • Sport

CALCIO - La Lazio manca la quinta, ma raggiunge il terzo posto

Contro il Verona è solo 1-1. Grave l'ingenuità di Cavanda che lascia la squadra in dieci e provoca il rigore del pareggio

31.10.2014 - Simone Di Tommaso



CALCIO - Lazio, contro il Verona il sesto sigillo

Terzo posto sempre più saldo, Felipe Anderson e Candreva ancora a segno. Lotito: "Avanti senza paura"
Leggi l'articolo

CALCIO - Lazio-Hellas Verona 2-0. Le pagelle biancocelesti

Felipe Anderson in gol dopo soli 4 minuti, raddoppio di Candreva su punizione. Sesta vittoria consecutiva per Pioli
Leggi l'articolo

CALCIO - Hellas Verona - Lazio 1-1 - Le pagelle biancocelesti

Biglia illumina il gioco, Lulic segna il gol del vantaggio. Cavanda, ingenuità su Gómez che costa il...
Leggi l'articolo

CALCIO - Pari inutile tra Lazio e Verona. Addio all'Europa League?

I biancocelesti in rimonta a tempo scaduto, come contro il Torino. La conquista del sesto posto diventa un miraggio. Il...
Leggi l'articolo

La Lazio festggia Lulic

TABÙ - La Lazio non vince a Verona dal 1991. Un tabù che dura da ben 23 anni, un po' come quello contro il Milan a San Siro. E pure questa volta non è andata nel migliore dei modi. I biancocelesti riescono a passare in vantaggio con Lulic ma si fanno riprendere, su calcio di rigore per fallo di Cavanda, da Toni.

LE FORMAZIONI - Pioli conferma per dieci undicesimi la squadra che ha vinto in casa contro il Torino. In porta Marchetti, Ciani e De Vrij con Cavanda e Radu sulle fasce. I tre di centrocampo sono Biglia, Onazi e Parolo. Davanti, Djordjevic è supportato da Lulic e Candreva. Mandorlini risponde con un 4-3-3 di spiccato carattere offensivo. Davanti, le punte sono Toni, Jankovic e Nico Lopez. In difesa spazio a Rafa Marquez. Il regista di centrocampo è Tachtsidis.

PRIMO TEMPO -Le squadre si sfidano a viso aperto. Nessuna delle due squadre vuole concedere troppo spazio all'altra. C'è un grande equilibrio. Le azioni sono confuse, mai ragionate, con tanti errori dalle due parti. Il primo tiro nello specchio della porta è di Nico Lopez che però non impensierisce Marchetti. La Lazio arriva al 12' con Parolo e poi con Biglia che tira da fuori area un pallone alto sopra la traversa. Nei primi 15 minuti la partita è un po' bloccata. Al 20' l'arbitro annulla un gol di Toni. Il centravanti scaligero si trova al di là della linea della difesa. L'arbitro vede bene. Un minuto più tardi, Onazi rimedia il primo cartellino giallo della partita per un fallo tattico a centrocampo. La Lazio comincia ad attaccare il Verona a testa bassa. Biglia è il regista di ogni azione biancoceleste. Al 24' un tocco di testa di Lulic su angolo di Candreva si spegne di poco a lato della porta difesa da Rafael. Al 25' altro cartellino giallo questa volta per Martic, fallo su Biglia. La Lazio costringe il Verona ad abbassarsi. Il gioco non è spumeggiante come nelle ultime uscite. Al 29' il Verona si affaccia dalle parti di Marchetti. Cavanda è bravo a recuperare e a non lasciare spazio ai padroni di casa. Al 32' uscita spericolata di Marchetti su Nico Lopez. Il portiere biancoceleste sceglie bene i tempi. La Lazio non riesce a giocare bene sulle fasce, mancano le sovrapposizioni e la superiorità numerica a centrocampo. Serve una scossa. Al 35' Biglia tira in porta dai 30 metri. La conclusione è altissima sopra la traversa. Al 36' fallo di Ciani su Campagnaro provoca un calcio di punizione per il Verona al limite dell'area di rigore. Il tiro di Yankovic è potente e colpisce la barriera. La partita pecca di qualità ma non di irruenza. Il Verona cerca di impensierire la retroguardia biancoceleste. Al 39' tiro di Tachtsidis da centrocampo che non riesce a beffare Marchetti. Al 41' Candreva ci prova da fuori area ma il tiro è centrale e debole. Un minuto più tardi occasionissima tra Djordjevic e Candreva. È il preludio al vantaggio biancoceleste. Al 42' Lulic intercetta lo svarione della difesa veronese in area sul cross di Candreva e mette dentro il gol dello 0-1. È la prima vera occasione da gol dell'intero primo tempo e la Lazio si trova fortunosamente in vantaggio.

SECONDO TEMPO - La seconda frazione di gioco si apre con un doppio cambio del Verona. Mandorlini sostituisce Martic e Jankovic con Sorensen e Gomez. Al 4', sulla punizione buttata in area di rigore Toni ha l'occasione della vita per portare la propria squadra sull'1-1. Marchetti si fa trovare prontissimo. Al 6' Toni si impossessa di un pallone vagante nell'area biancoceleste. Il suo tiro, però, si spegne sull'esterno della rete. Due minuti più tardi altra occasione sempre con Toni. Il Verona non sembra domo e cerca di mettere sotto pressione la retroguardia biancoceleste. All'11' arriva la conclusione nello specchio della porta di Parolo. Nessuna preoccupazione per Rafael. Pioli, che vede la squadra con il respiro corto, decide di compiere una doppia sostituzione e mette in campo Felipe Anderson e Gonzalez per Lulic e Onazi. Per l'uruguaiano è il debutto stagionale. Per il brasiliano è l'ennesima occasione per mettersi in mostra. Tatticamente non cambia nulla. L'allenatore biancoceleste vuole cercare di mantenere alto il baricentro della squadra. Al 19' Candreva ci prova su punizione dalla distanza, ma il tentativo è velleitario. Al 22' il colpo di scena. Cavanda commette fallo in area su Gomez e l'arbitro fischia il rigore. Il terzino belga viene espulso per doppia ammonizione. Sul dischetto Toni non sbaglia e, spiazzando Marchetti, porta la squadra sull'1-1. Una partita che sembrava chiusa è riaperta da un episodio caratterizzato da assoluta ingenuità. Pioli decide di mettere Gonzalez terzino, ricomponendo dietro la linea difensiva a quattro. Al 27' Sorensen di testa schiaccia debolmente verso la porta di Marchetti. Al 31' ammonizione per Biglia che sembra instancabile. Ad un quarto d'ora dalla fine la partita è aperta. Al 33' un fraseggio tra Toni e Juanito Gomez si conclude con il pallone sul fondo. Al 35' Djordjevic viene beccato in fuorigioco di pochissimo. Il serbo si sarebbe trovato a tu per tu con l'estremo difensore gialloblu. Al 38' Marchetti neutralizza una conclusione di Nico Lopez. Al 39' Djordjevic fa tutto da solo in area di rigore del Verona e cerca di beffare Rafael con un pallonetto. Nulla di fatto. Al 41' Pioli richiama in panchina proprio il centravanti e mette nella mischia, per i minuti finali, Miro Klose. Al 42' l'arbitro ammonisce Campagnaro per fallo su Felipe Anderson lanciato in contropiede. Nei tre minuti finali di recupero, in inferiorità numerica, la Lazio ha il coraggio e la voglia di buttarsi in avanti, ma non succede più nulla.

MEZZO PIENO - La Lazio non riesce a conquistare la quinta vittoria consecutiva e, soprattutto, il terzo posto in solitario. Per come si era messa la partita, il punto per la Lazio può considerarsi un buon risultato. Troppe ingenuità nel reparto difensivo. Cavanda, reduce da buone prestazioni, è il giocatore che ha, di fatto, riaperto la partita con il fallo da rigore. Ancora una volta, il terzino si dimostra immaturo nei momenti più importanti. Migliore in campo è Lucas Biglia. Il centrocampista argentina attacca, costruisce e difende a tutto campo. Cosa chiedergli di più? Prestazione sottotono invece per Djordjevic.

CAGLIARI - Il prossimo appuntamento è all'Olimpico contro il Cagliari di Zeman. La partita si preannuncia difficile. Pioli, nei prossimi quattro giorni, dovrà ricompattare la squadra, cercando di risollevarla sotto il profilo del morale.


IL TABELLINO
HELLAS VERONA - LAZIO 1-1

Marcatori: 42' Lulic (L), 24' Toni (H)

Hellas Verona (4-3-3): Rafael; Martic (46' Sorensen), Moras, Márquez, Agostini; Campagnaro, Tachtsidis (32' Ionita), Halfredsson; Nico Lopez, Toni, Jankovic (46' Gomez).
A disposizione: Benussi, Gollini, Luna, Brivio, Gonzalez, Christodoulopoulos, Valoti, Saviola, Nenè. All.: Mandorlini

Lazio (4-3-3): Marchetti; Cavanda, De Vrij, Ciani, Radu; Onazi (13' Gonzalez), Biglia, Parolo; Candreva, Djordjevic (41' Klose), Lulic (13' F.Anderson).
A disposizione: Berisha, Strakosha, Novaretti, Braafheid, Pereirinha, Ledesma, Ederson. All.: Pioli.

Arbitro: Massimiliano Irrati (sez.Pistoia)
Assistenti: Musolino e Fiorito
IV Uomo: Passeri
Ass1: Guida
Ass2: Abbattista

Note: Espulsi Cavanda (L) per doppia ammonizione. Ammoniti Onazi (L), Martic (H), Biglia (L), Campangaro (H)
Recupero: 2' pt; 3' st.

 

 

BlinkListDiggFacebookFurlGoogleLinkedInLiveMySpaceNetscapeNetvibesNewsVineOk NotiziePliggPliggaloPostanotiziePrintRankaloSegnaloStumbleUponTechnoratiTechnotizieTwitterYahooBuzzdel.icio.usemailfainformazione.it

Commenti

Per poter lasciare un commento devi prima effettuare il login o registrarti al sito.