Strict Standards: Only variables should be passed by reference in /web/htdocs/www.mpnews.it/home/archivio/config/routing.php on line 4
MP News | Archivio
collabora redazione chi siamo


domenica 20 ottobre 2019

  • MP News
  • Sport

CALCIO - TIM CUP - Una grande Lazio elimina il Napoli

Senad Lulic si conferma il giocatore giusto al momento giusto. Suo il gol del definitivo 0-1. Biancocelesti in finale

09.04.2015 - Simone Di Tommaso



CALCIO - Impresa Lazio: Napoli battuto in casa. Ora il preliminare di Champions League

Tanti errori in campo. Parolo segna e poi si fa espellere. Higuain sbaglia un rigore che non c'è. Pioli...
Leggi l'articolo

CALCIO - Napoli-Lazio 2-4. Le pagelle biancocelesti

In vantaggio con Parolo e Candreva, la Lazio si fa raggiungere da una doppietta di Higuain. La vittoria con i gol di...
Leggi l'articolo

CALCIO - TIM CUP - Napoli-Lazio 0-1. Le pagelle biancocelesti

Gol di Lulic su assist di Felipe Anderson e la Lazio passa in finale. I biancocelesti si dimostrano superiori sul campo
Leggi l'articolo

CALCIO - TIM CUP - Tra Lazio e Napoli si decide al ritorno

Gara spettacolare, giocata ad alti ritmi. Il pareggio per 1-1 concede un leggero vantaggio ai partenopei
Leggi l'articolo

La Lazio festeggia

Gli undici di Pioli infiammano i cuori dei tifosi. La Lazio, nella difficile cornice di un San Paolo gremito come non mai, conquista l'ennesima finale di Coppa Italia e, a distanza di due anni dallo storico trionfo contro la Roma, affronterà la Juventus per l'ultimo incontro stagionale. Potrà essere la ciliegina sulla torta di un'annata che si sta definendo come trionfale. Reduci dalla settima vittoria consecutiva contro il Cagliari, in piena corsa per il secondo posto in campionato, i biancocelesti hanno impresso il loro marchio alla partita e sono risultati vittoriosi. Il gol che vale l'accesso alla finale allo Stadio Olimpico è di Senad Lulic, abile a ribattere in rete un assist al bacio di Felipe Anderson. Il suo ingresso in campo, a 25 minuti dalla fine dei tempi regolamentari, ha segnato la svolta decisiva della partita. Dopo la realizzazione del gol, proprio Lulic ha salvato il risultato respingendo sulla linea una rete praticamente fatta. L'ultimo quarto d'ora è segnato dalla giusta sofferenza, con i partenopei che, pur senza sprazzi di gioco eccelsi, hanno provato a pareggiare il conto, alla ricerca del gol che avrebbe valso i tempi supplementari. Tutto vano. La Lazio vince al San Paolo dopo ben sei anni. Il pubblico di casa è ammutolito. Il presidente De Laurentis, infuriato, ha deciso di mandare la squadra in ritiro a tempo indeterminato. Dalla trasferta napoletana, per quella che si ricorderà come una vera e propria impresa, gli unici a sorridere sono gli uomini di Pioli. Al ritorno a Roma, alle due notte, grandi feste al centro sportivo di Formello, gremito di tifosi accorsi da ogni dove per acclamare i propri beniamini.

LE FORMAZIONI - Il 4-3-3 è il modulo scelto da Pioli per affrontare il Napoli. È la formazione tipo. L'unico cambio di nota è Berisha, sempre titolare in coppa al posto di Marchetti. Cataldi è preferito al posto del capitano Mauri. La linea di difesa vede De Vrij e Mauricio centrali, con Basta e Braafheid sulle fasce. Biglia è il perno del centrocampo. Ai suoi lati agiscono Cataldi e Parolo. Il tridente offensivo è costituito da Klose supportato da Candreva e Felipe Anderson. Benitez opta per un 4-2-3-1 che esclude Callejon, una delle stelle della formazione partenopea. L'unica punta Higuain è sostenuta da un tridente di assoluto livello formato da Mertens, Hamsik e Gabbiadini. Le premesse per assistere a una partita spettacolare ci sono tutte.

PRIMO TEMPO - I primi minuti rivelano grande intensità. Ambedue le squadre iniziano la partita affrontandosi a viso aperto e senza paura. I calcoli della vigilia sono lasciati alla spalle. Dal gioco espresso sin dalle prime frazioni si evince che le due squadre sono alla ricerca del gol che può valere l'accesso alla finale della coppa nazionale. Le aspettative in casa biancoceleste sono tutte per Felipe Anderson. Il brasiliano, però, a parte qualche isolata iniziativa non entra in partita alla sua maniera. Benitez è riuscito a ingabbiare il talentuoso giocatore. Quando Felipe non è in palla, ci pensa Klose a dare la carica. La prima conclusione dalle parti di Andujar è di Candreva che al 19' manca di poco il gol del vantaggio. Poco dopo Gabbiadini, su una dubbia punizione fischiata da Orsato per presunto fallo di Biglia su Inler, colpisce il palo alla sinistra di un Berisha ormai battuto. Sul finire del primo tempo altra occasione per la compagine laziale con Braafheid che manda lontano dallo specchio della porta un facile colpo di testa.

SECONDO TEMPO - Al rientro in campo è il Napoli a cercare di imprimere il suo ritmo alla partita. La Lazio si ritrova quasi intimorita. Higuain ha subito sui piedi la possibilità di segnare il gol dell'1-0. Ma Basta gli nega la gioia. Al 55' Pioli decide di sostituire Cataldi con Mauri. Cinque minuti più tardi, i biancocelesti reclamano il penalty per un fallo su Klose. Ma per l'arbitro Orsato è tutto regolare. La svolta della partita arriva con i cambi effettuati sia da Pioli che da Benitez al 67'. In campo Lulic al posto di Candreva e De Guzman per Mertens. L'ingresso in campo del bosniaco ha il pregio di sbloccare Felipe Anderson che, cambiando fascia, ritrova smalto e prepotenza. Al 72' Callejon subentra per Gabbiadini. Quattro minuti più tardi, Lulic è vicino al gol del vantaggio su un colpo di testa che trova preparato Andujar. Sul ribaltamento di fronte Hamsik è vicino al gol. Al 79' arriva l'episodio che cambia il volto alla partita. Felipe Anderson semina il terrore sulla fascia destra e, dopo aver saltato un paio di difensori, serve un assist al bacio per Senad Lulic. Per il centrocampista è un gioco da ragazzi bucare la rete di Andujar. È il gol del vantaggio che si rivelerà determinante. I minuti finali sono un'autentica sofferenza. Il Napoli prova a cercare il gol del pareggio. La Lazio difende il risultato con uno spirito da combattente. Proprio Lulic salva sulla linea un gol praticamente già fatto di Insigne. È l'ultimo lampo di un match esaltante. In finale, a distanza di due anni dallo storico 26 maggio 2013, ci sarà la squadra biancoceleste. Contro la Juve si giocheranno due trofei. Dopo la Coppa Italia, dato che i bianconeri sono ormai imprendibili in campionato, con la matematica che li separa dalla conquista dello scudetto, le due squadre si ritroveranno davanti anche per giocare la Supercoppa Italiana. Potrà essere l'inizio di un ciclo vincente. Ora tutti gli sforzi saranno concentrati per la conquista della seconda piazza in campionato. Già a partire da domenica prossima, in casa contro l'Empoli, la banda di Pioli - seppur con tanti indisponibili soprattutto in difesa - è chiamata alla conquista dell'ottava vittoria consecutiva.


IL TABELLINO
NAPOLI-LAZIO 0-1
Marcatori
: 79' Lulic

NAPOLI (4-2-3-1): Andujar; Maggio, Albiol, Britos, Goulham; Inler, Gargano (85' Insigne); Mertens (67' De Guzman), Hamsik, Gabbiadini( 72' Callejon); Higuain. A disp.: Rafael, Colombo, Koulibaly, Strinic, Henrique, Zuniga, Jorginho, De Guzman, David Lopez, Insigne, Callejon, Duvan Zapata. All.: Rafael Benitez

LAZIO (4-3-3): Berisha; Basta, De Vrij, Mauricio, Braafheid (84' Cavanda); Cataldi (55' Mauri), Biglia, Parolo; Candreva (67' Lulic), Felipe Anderson; Klose. A disp.: Marchetti, Strakosha, Novaretti, Cana, Ciani, Pereirinha, Cavanda, Ederson, Ledesma, Lulic, Mauri, Perea. All.: Stefano Pioli.

ARBITRO: Daniele Orsato (sez. Schio)
ASSISTENTI: Tonolini e Passeri
IV UOMO: Rocchi

NOTE. Ammoniti: Albiol (N), De Guzman (N), Parolo (L)

 

BlinkListDiggFacebookFurlGoogleLinkedInLiveMySpaceNetscapeNetvibesNewsVineOk NotiziePliggPliggaloPostanotiziePrintRankaloSegnaloStumbleUponTechnoratiTechnotizieTwitterYahooBuzzdel.icio.usemailfainformazione.it

Commenti

Per poter lasciare un commento devi prima effettuare il login o registrarti al sito.