Strict Standards: Only variables should be passed by reference in /web/htdocs/www.mpnews.it/home/archivio/config/routing.php on line 4
MP News | Archivio
collabora redazione chi siamo


domenica 26 gennaio 2020

  • MP News
  • Sport

CALCIO - Lazio, vittoria in rimonta contro l'Hellas Verona

Sfatato il tabù dopo 24 anni. I biancocelesti in dieci conquistano i primi tre punti in trasferta della stagione

27.09.2015 - Simone Di Tommaso



CALCIO - Hellas Verona-Lazio 1-2 - Le pagelle biancocelesti

Negato al 4' un gol valido a Djordjevic, Verona in vantaggio con Helander al 33'. Pari di Biglia al 63' (R), di Parolo...
Leggi l'articolo

CALCIO - Empoli-Lazio 2-1. Le pagelle biancocelesti

Squadra sprecona e arruffona. Djordjevic ancora in gol, ma non basta. Solite amnesie difensive sui calci piazzati
Leggi l'articolo

CALCIO - A Empoli la Lazio non spicca il volo

Tre nitide occasioni da gol sprecate nel primo tempo, male nella ripresa. Giusta la sconfitta contro gli uomini di Sarri
Leggi l'articolo

CALCIO - La Lazio sfata finalmente il tabù e batte il Genoa 2-0

Inizio di gara faticoso, al 35' Djordjevic segna di testa su cross di Lulic. Poi esplode Felipe Anderson con un gol da...
Leggi l'articolo

Biglia festeggia dopo il gol

RIMONTA - La Lazio è ritornata con i piedi per terra. Il Bentegodi non sarà ricordato solo per la figuraccia rimediata alla seconda di campionato contro il Chievo ma soprattutto per la rocambolesca vittoria in rimonta contro il Verona. La prima vittoria in casa dell'Hellas dal 1991, la prima in trasferta della stagione, i primi gol realizzati fuori dalle mura amiche dell'Olimpico e il terzo posto in classifica, sopra a squadre superiori per caratura tecnica e portafoglio come Milan, Roma e Juventus: è questo il ricco bottino della sesta giornata di campionato per i biancocelesti. A questo vanno aggiunti il ritorno in campo di Biglia, l'ottima prestazione di Milinkovic-Savic e di Parolo, il cambio di passo dato al match dall'ingresso in campo di Keita. Le uniche pecche rimangono le gravi carenze difensive della coppia Mauricio-Gentiletti. Buone prestazioni, infine, di Felipe Anderson e di Lulic, impiegato ancora una volta nel ruolo di terzino.

LE FORMAZIONI - Pioli conferma il 4-2-3-1 e la formazione che ha vinto nel turno infrasettimanale contro il Genoa. L'unica eccezione è il rientro del capitano Lucas Biglia, assente da più di un mese. Davanti alla porta difesa da Marchetti, la linea di difesa è composta da Mauricio e Gentiletti centrali, con Basta e Lulic sulle fasce. Biglia e Parolo sono la coppia di raccordo tra difesa e centrocampo. Felipe Anderson, Milinkovic-Savic e Kishna costituiscono il tridente avanzato a supporto dell'unica punta di ruolo Djordjevic. Mandorlini risponde con un 4-3-3 che unisce fantasia a dinamismo. Sala, oggetto del desiderio di molte squadre italiane nel mercato estivo, forma insieme a J. Gòmez e Jankovic il terzetto d'attacco. In panchina si rivede l'ex biancoceleste Matuzalem.

PRIMO TEMPO - La Lazio scende in campo con la terza maglia a sfondo bianco con inserti di celeste. L'aquila stilizzata su sfondo nero è al momento accantonata. I primi minuti sono tutti a tinte biancocelesti. Già al 4' arriva il gol di Djordjevic su colpo di testa da calcio d'angolo. L'arbitro Giacomelli annulla però per un presunto fallo di Gentiletti, che invece il fallo lo subisce. Quattro minuti dopo, l'arbitro non fischia una trattenuta in area ai danni di Felipe Anderson. Sembra un film già visto. Nonostante gli episodi da moviola, la Lazio è più viva che mai. Djordjevic e Felipe Anderson hanno l'occasione per portare la squadra in vantaggio. Così come, più tardi, Milinkovic-Savic. La sfortuna dell'inizio di stagione biancoceleste si materializza al 33'. Juanito Gòmez prende la traversa in scivolata. Sulla respinta il difensore gialloblu Helander segna il gol dell'1-0. C'è un blocco di un veronese su Marchetti, ma Giacomelli ignora. I padroni di casa, con un solo tiro in porta, si ritrovano in vantaggio. Gli ultimi dieci minuti del primo tempo sono tutti per la Lazio che, con Basta, Djordjevic e Milinkovic-Savic, cerca disperatamente il gol del pareggio.

SECONDO TEMPO - Al rientro in campo, il film non cambia. La Lazio rimane costantemente nella tre quarti veronese. Gli uomini di Mandorlini difendono come meglio possono il gol del vantaggio. Al 52' Felipe Anderson ha un'occasione cristallina per cambiare il corso della partita. Sette minuti dopo è il turno di Djordjevic. L'allenatore dell'Hellas corre ai ripari e sostituisce Gomez con Wszolek. Tutti dietro a difendere il vantaggio. Pioli capisce l'andamento della partita e mette dentro Keita per Djordjevic e Mauri per Kishna, tornando così al 4-3-3 più congeniale alla sua squadra. È la mossa determinante. Proprio Keita, due minuti dopo, rimedia un fallo in area. Per l'arbitro è calcio di rigore. Si avventa sulla palla Lucas Biglia. Per il capitano è un gioco da ragazzi bucare la porta difesa da Rafael per quello che è il secondo centro stagionale in due partite. La Lazio diventa arrembante. Costruisce azioni a ripetizione, conquista calci d'angolo e ci prova per quanto possibile a trovare il gol della vittoria. Proprio nel momento migliore arriva l'episodio che non ti aspetti. Mauricio entra in ritardo e in modo scomposto su Wszolek lanciato verso la porta difesa da Marchetti. Non ci sono dubbi. Secondo cartellino giallo e giusta espulsione per il difensore brasiliano. Pioli inserisce prontamente Hoedt per Felipe Anderson. All'85', quando la partita sembra avviarsi verso il pareggio, arriva la zampata dei big della formazione laziale. Biglia batte una punizione corta per l'accorrente Parolo che supera una barriera di una decina di giocatori e insacca alle spalle di Rafael per il gol che vale l'1-2. La vittoria, dopo ben cinque minuti di recupero, è conquistata. Gli uomini di Pioli, con 12 punti, salgono al terzo posto in classifica. C'è di che festeggiare.


IL TABELLINO
HELLAS VERONA-LAZIO 1-2
Marcatori: 33' Helander (V), 63' Biglia rig. (L), 85' Parolo (L)


HELLAS VERONA (4-3-3): Rafael; Pisano, Moras, Helander, Souprayen; Greco (60' Bianchetti), Viviani, Hallfredsson (77' Matuzalem); Sala, J. Gomez (55' Wszolek), Jankovic.
A disp. Coppola, Gollini, Albertazzi, Winck, Zaccagni.
All. Mandorlini.

LAZIO (4-2-3-1): Marchetti; Basta, Mauricio, Gentiletti, Lulic; Biglia, Parolo; Felipe Anderson (82' Hoedt), Milinkovic-Savic, Kishna (60' Mauri); Djordjevic (60' Keita).
A disp. Berisha, Guerrieri, Radu, Patric, Braafheid, Seck, Cataldi, Onazi, Morrison.
All. Pioli.

ARBITRO: Giacomelli (sez. Trieste).ASS.: Crispo-Gava. IV: Vuoto. ADD.: Calvarese-Ghirsini.

NOTE. Ammoniti: 13' Hallfredsson (V), 25' Mauricio (L), 67' Lulic (L), 78' Sala (V). 91' Parolo (L)
Espulsi: 81' Mauricio per doppia ammonizione (L)
Recupero: 1'pt; 5' st.

 

BlinkListDiggFacebookFurlGoogleLinkedInLiveMySpaceNetscapeNetvibesNewsVineOk NotiziePliggPliggaloPostanotiziePrintRankaloSegnaloStumbleUponTechnoratiTechnotizieTwitterYahooBuzzdel.icio.usemailfainformazione.it

Commenti

Per poter lasciare un commento devi prima effettuare il login o registrarti al sito.