CALCIO – La Lazio riconquista il terzo posto

Radu e Lulic: 2-0 all'Olimpico contro il Pescara - Brutto infortunio per Konko, stop di 45 giorni

26.02.2013 - Simone Di Tommaso

Finalmente la Lazio riesce a conquistare, dopo un mese e mezzo, gli agognati tre punti in campionato e torna da sola al terzo posto in classifica. Dopo la bella prestazione offerta in Europa League contro il Borussia Moenchengladbach, i biancocelesti battono il Pescara per due reti a zero, mettendo in campo superiorità tecnica e qualitativa. La squadra consolida la propria posizione in campionato e risponde nel migliore dei modi alle incertezze delle squadre che lottano insieme per la conquista di un piazzamento in Champions League.
Petkovic schiera, senza sorprese, il classico 4-1-4-1: Konko e Radu esterni bassi, Cana (questa la relativa novità) al centro accanto a Dias; Ledesma a guardare le spalle a Gonzalez e Hernanes, Candreva e Lulic sulle fasce, Floccari unica punta.
Dopo un approccio incerto, la Lazio si sveglia e mette in mostra le sue migliori qualità, determinata a ottenere tre punti importantissimi anche in vista dello scontro diretto in casa del Milan di sabato 2 marzo. Le occasioni di Ledesma, Lulic, Floccari e Hernanes sono il preludio al vantaggio biancoceleste che arriva al 28'. Lulic dal fondo imbecca dietro Radu che scarica un sinistro esplosivo dai venti metri trafiggendo la porta di Pelizzoli. Il Pescara, che aveva cercato di confondere la Lazio con un approccio veloce e aggressivo, ora è tramortito. Dopo soli sette minuti, un altro eurogol dai 25 metri di Lulic - che prende palla a metà campo e si invola palla al piede verso l'area avversaria - chiude definitivamente la pratica sul 2-0. Di qui in avanti, la Lazio amministra ordinatamente l'incontro, con qualche piccola sbavatura nei minuti finali del secondo tempo. Il Pescara non riesce in alcun modo a impensierire seriamente la retroguardia biancoceleste, se non con qualche incursione sulla fascia del bravo Caprari.

L'unica preoccupazione per Petkovic arriva dal fronte infortuni in un momento molto delicato della stagione. Al 5' del primo tempo Konko è costretto ad abbandonare il campo dopo un contrasto di gioco. Una lesione di primo grado del legamento collaterale mediale del ginocchio destro lo terrà lontano dai campi per circa sei settimane. In assenza di Cavanda, relegato ai margini della rosa per problemi di rinnovo contrattuale, a sostituire Konko viene chiamato Pereirinha: buona la sua prova, soprattutto quando affonda sulla fascia, un po' meno in fase difensiva, si vede che il ragazzo deve ancora entrare nei collaudati meccanismi di gioco dei proprio compagni di squadra. Dovrà far presto ad ambientarsi, forte comunque di un ottimo bagaglio tecnico, buoni piedi e chiara visione di gioco. Tuttavia per le prossime gare non avrà un sostituo naturale e chissà se l'occasione non possa far tornare sui propri passi la società biancoceleste nel riconsiderare l'inclusione di Cavanda, rimandando per il momento le questioni contrattuali.

I migliori in campo sono stati proprio gli autori dei due splendidi gol. Radu è sempre nel vivo del gioco, la sua rete è da incorninciare. Lulic, finalmente, disputa una partita ai livelli dello scorso anno e il suo primo gol stagionale è la ciliegina sulla torta di una serata più che positiva.

La vittoria contro il Pescara rilancia le ambizioni della Lazio, considerati anche i pareggi di Napoli-Udinese e Inter-Milan. Resta il rammarico per i punti lasciati per strada contro Palermo, Genoa, Chievo e Siena. Il big match di sabato sera contro il Milan scioglierà gli ultimi dubbi sulle reali potenzialità della squadra e dirà qualcosa in più sul cammino verso la qualificazione in Champions. Poi sarà la volta dello Stoccarda in terra di Germania.

Il tabellino
26esima giornata del campionato di serie A 2012/2013
LAZIO-PESCARA 2-0
Marcatori: 28' Radu (L), 35' Lulic (L)

Lazio (4-1-4-1): Marchetti; Konko (5' Pereirinha), Cana, Dias, Radu; Ledesma; Candreva (82' Ederson), Gonzalez (66' Onazi), Hernanes, Lulic; Floccari.
In panchina: Bizzarri, Strakosha, Biava, Kozak, Saha. All. Petkovic

Pescara (5-3-2): Pelizzoli; Balzano, Cosic, Bocchetti, Capuano, Zauri; Rizzo, Cascione (86' Sculli), Bjarnason; Celik (70' Caraglio), Abbruscato (60' Caprari).
In panchina: Perin, Bainchi Arce, Miodesto, D'Agostino, Sculli, Vukusic. All. Bergodi

Arbitro: Romeo (sez. Verona)
Assistenti: Barbirati, Meli
IV Uomo: De Pinto
ADD1: Rocchi
ADD2: Irrati

Recupero: 2' pt, 3' st.

Le pagelle
Marchetti s.v.
Konko s.v. (dal 5' Pereirinha 6,5)
Cana 6,5
Dias 6
Radu 7
Ledesma 6,5
Candreva 6 (dall'81' Ederson 6)
Gonzalez 6,5 (dal 65' Onazi 6,5)
Hernanes 6
Lulic 7
Floccari 6,5
All. Petkovic 7