CALCIO - Roma, Osvaldo e Lamela: l'Europa ora è più vicina

I giallorossi battono il Torino e volano a 51 punti. Mercoledì 17 la sfida contro l'Inter per la finale di Coppa Italia

15.04.2013 - Francesco Palumbo

Partita divertente e vivace nonostante il sole estivo che imperversa su Torino. I granata di Ventura partono subito forte e danno vita nei primi minuti di gioco a diverse azioni offensive. In particolare è l'ex Cerci che sfiora la rete su punizione colpendo il palo alla destra di Stekelenburg. Andreazzoli lascia in panchina Francesco Totti e si affida a Osvaldo, Lamela e Dodo davanti. Si rivede dal primo minuto di gioco anche Simone Perrotta. Dopo venti minuti, Osvaldo porta in vantaggio la Roma. Bello il cross di Balzaretti dalla sinistra, l'unica giocata positiva del terzino giallorosso. L'italo-argentino si fa trovare pronto sul secondo palo, colpo di testa vellutato e preciso che scavalca l'ottimo Gillet. Roma avanti 0-1. Il Toro non si arrende e riprende ad attaccare a testa bassa senza dar tregua alla retroguardia romanista. Alla mezz'ora gli sforzi degli undici di Ventura vengono premiati. Rolando Bianchi vince in piena area di rigore un duello corpo a corpo con Burdisso e si ritrova la porta spalancata davanti. Inutile la disperata uscita del portiere olandese, rete ed esultanza liberatoria per il centroavanti granata. La prima frazione di gara termina sul risultato di parità senza regalare ulteriori emozioni.

Nel secondo tempo Andreazzoli manda in campo il capitano Francesco Totti al posto dell'infortunato Pjanic e la Roma dopo poco torna in vantaggio. Questa volta è Lamela che inventa un gol capolavoro. L'argentino avanza indisturbato palla al piede dal vertice destro della metà campo del Torino, alza la testa e lascia partire un tiro di sinistro che gira dolcemente verso l'incrocio dei pali dei granata. Nulla può Gillet e Roma avanti di nuovo. La reazione granata è veemente e rabbiosa. Ci prova Santana con un bel destro a impensierire Stekelenburg, poco dopo tocca di nuovo all'ottimo Cerchi, sempre su punizione, impegnare l'estremo difensore giallorosso costretto a deviare sulla traversa una sua micidiale punizione. A dieci minuti dal termine Balzaretti guadagna meritatamente il secondo giallo per una gomitata rifilata proprio a Cerci. In dieci contro undici e senza possibilità di operare ulteriori cambi, la squadra di Andreazzoli soffre e subisce in più riprese le folate offensive degli avversari. Ma l'occasione da rete più ghiotta capita in contropiede proprio sui piedi di Florenzi, venti minuti più che positivi per lui.

Tre punti d'oro quelli che la Roma ottiene in questa 32ma giornata di serie A che vede l'Inter perdere male a Cagliari. In attesa di Lazio-Juventus di lunedì sera, la Roma guarda alla sfida di Coppa Italia contro l'Inter di mercoledì 17 aprile con un minimo di serenità in più, consapevole che quasi sempre nel calcio come nella vita, l'impegno, il sacrificio e l'abnegazione portano a ottenere risultati.

Il tabellino

Torino-Roma 1-2

TORINO (4-4-2): Gillet; Darmian, Glik, Ogbonna, Masiello; Santana (66' D'Ambrosio), Vives, Gazzi, Cerci; Meggiorini (66' Barreto) Bianchi (cap.) (76' Jonathas). A disposizione: Coppola, Di Cesare, Rodriguez, Caceres, Bakic, Stevanovic, Menga. Allenatore Giampiero Ventura.

ROMA (4-3-3): Stekelenburg; Piris, Castan, Burdisso, Balzaretti; Bradley, Pjanic (54' Totti), Perrotta (cap.) (77' Marquinho); Lamela, Osvaldo, Dodò (63' Florenzi). A disposizione: Lobont, Goicoechea, Marquinhos, Romagnoli, Torosidis, Tachtsidis, Taddei, Nico Lopez, Destro. Allenatore Aurelio Andreazzoli.

Arbitro: Andrea Romeo di Verona.

RETI: 22' Osvaldo (R). 31' Bianchi (T). 60' Lamela (R).

AMMONITI: 27' Burdisso (R), 31' Bianchi (T), 35' Gazzi (T), 77' Vives (T), 83' Bradley (R). ESPULSI: 80' Balzaretti (R, doppia ammonizione).