CALCIO - Chievo-Lazio 0-2. Le pagelle biancocelesti

Ottima reazione del gruppo alla cessione di Hernanes. Biglia e Ledesma, doppia regia di sostanza e qualità. Candreva e Keita: gol e gran gioco

02.02.2014 - Alessandro Staiti

Keita e Candreva a Chievo

Berisha 6,5: ancora titolare, ufficialmente per un fastidio muscolare che si porta dietro da un mese. Bravo al 20' a parare a terra un cross di Thereau non ritenuto dall'arbitro in fuorigioco. Inoperoso nel secondo tempo.

Biava 7: solita partita di grandissima attenzione e qualità. Ottima l'intesa nella difesa a 3 con Dias e Radu. Campione.

Dias 7: dopo la botta in faccia sul siluro della punizione di Candreva, si distingue al 33' per una chiusura in anticipo da vero dominante di difesa.

Radu 7: grande prestazione da esterno della difesa a tre: diagonali, chiusure, anticipi, attenzione. Una certezza.

Cavanda 7: bravo sa in fase difensiva che con gli inserimenti: al 30' si rende pericoloso in area avversaria sgusciando tra due difensori che devono deviare in corner.

Ledesma 7: gran lavoro tra interdizione e costruzione, al 22' buono ma un po' lungo il suo suggerimento per Candreva solo davanti a Puggioni. Si ripete al 26' ma sul suo suggerimento di esterno destro Lulic scivola nell'area del Chievo.

Biglia 7: gran partita la sua, al 33' in area il suo tiro viene contrastato: ordine, geometrie, inserimenti, un maestro del centrocampo. Con Ledesma si dividono i compiti di interdizione e regia in modo egregio. Altro che dualismo! Al 60' viene ammonito e si dispera, salterà il derby. Al 74' grande conclusione dalla sinistra, Puggioni in corner.

Lulic 6,5: grande impegno, anche in fase difensiva. Spinge e ben dialoga con Keita. Al 65' non riesce a deviare in rete l'assist perfetto di Candreva.

Candreva 7,5: dopo appena 5 minuti di gioco sfrutta come un consumato centravanti l'assist di Keita dalla sinistra e mette a segno la rete del vantaggio. Innumerevoli le sue scorribande sulla fascia e i suoi cross in area come al 63' quando per un pelo Keita non aggancia un cross teso. Ancora al 66' il suo suggerimento dal fondo viene mandato alto sulla traversa dall'accorrente Lulic. Al 92' lascia il posto a Crecco (s.v.).

Keita 9: al 6' s'invola sulla fascia sinistra e serve un assist perfetto in area per Candreva che stoppa di destro e batte Puggioni con un preciso sinistro. Al 27' si procura una punizione davanti all'area gialloblu seminando il panico tra gli avversari che sono costretti a stenderlo. Sulla sassata di Candreva Dias intercetta con il volto e la palla si impenna scheggiando la traversa. Al 33' non riesce ad alzare il pallone davanti a Puggioni che respinge con il corpo, occasionissima. Al 10' della ripresa un suo grandissimo colpo di tacco su suggerimento di Candreva viene deviato a fatica da Puggioni in angolo. Al 69' grande conclusione di sinistro per il raddoppio laziale (con deviazione di Canini). Reja si complimenta con lui non solo per i gol, ma anche per i ripieghi in fase difensiva. Lascia a Gonzalez (s.v.) negli ultimi 10 minuti del match.

Klose 6: la sua è una partita di grande sacrificio e disponibilità, torna sempre a centrocampo a prendere palla e far salire la squadra. Un paio di volte nel primo tempo manca il colpo decisivo davanti a Puggioni, ma non sempre gli assist sono precisi. Al 79' ancora non riesce a indirizzare in rete su passaggio di Keita dalla destra. All'88' rilevato da Perea (s.v.).

Reja 7: nonostante il mercato gli abbia sottratto Hernanes e portato nessuno per la partita contro il Chievo (Postiga infortunato, Kakuta ancora non arrivato in Italia), conferma un gruppo solido, ordinato e determinato che domina letteralmente l'avversario in campo. La sua difesa regge alla grande. Il tabù trasferta sembra ormai solo un brutto ricordo con lui. Sfata anche il falso dualismo Biglia/Ledesma, che diventa una coppia di qualità superiore a centrocampo sia in fase di interdizione che di regia.


IL TABELLINO
CHIEVO-LAZIO 0-2

Marcatori: 6' Candreva (L), 70' Keita (L)

Chievo (3-5-2): Puggioni; Frey, Dainelli (18' Canini), Cesar; Sardo, Bentivoglio (62' Pelissier), L. Rigoni, Hetemaj (44' Radovanovic), Dramé; Paloschi, Thereau.
In panchina: Agazzi, Squizzi, Bernardini, Rubin, Canini, Claiton, Radovanovic, Lazarevic, Kupisz, Pellissier, Stoian. Allenatore: Corini

Lazio (3-4-2-1): Berisha; Biava, Dias, Radu; Cavanda, Ledesma, Biglia, Lulic; Candreva (92' Crecco), Keita (83' Gonzalez); Klose (88' Perea).
In panchina: Marchetti, Strakosha, Pereirinha, Novaretti, Cana, Onazi, Crecco, Felipe Anderson, Perea. Allenatore: Reja

Arbitro: Carmine Russo (sez. Nola);
Assistenti: Costanzo, Meli;
IV Uomo: Marzaloni
ADD1: Ostinelli
ADD2: Saia
Note: Ammoniti Biglia (L), Radovanovic (L), Frey (C)
Recupero: 3' p.t., 3' s.t.