CALCIO - Parma-Roma 1-2, le pagelle giallorosse

Ljajic torna protagonista, Pjanic tira fuori dal cilindro una punizione da tre punti

24.09.2014 - Luca d'Alessandro

@asromatwitterfoto

 

De Sanctis 6: sul gol può far poco, si disimpegna bene sul tiro insidioso di Cassano da cui per sua sfortuna scaturisce il pari del Parma

Torosidis 5.5: quando Donadoni gli mette Cassano dalla sua parte va in tilt e concede in un minuto un tiro piazzato al talento di Bari Vecchia e si perde De Ceglie in occasione del gol. Dal 24'st Maicon 6: entra subito nel vivo del match fornendo una grande palla, sprecata, da Florenzi.

Manolas 6.5: che dire, trovare sbavature difensive è quasi impossibile. È fondamentale nell'allontanare dopo un colloquio con Pjanic il suo connazionale Holebas prima della punizione vincente del bosniaco.

Yanga-Mbiwa 6: acquistato per far il comprimario, si è fatto trovare sempre pronto ogni volta che è stato chiamato in causa.

Holebas 6,5: un esordio impressionante specie nel primo tempo dove sulla fascia sinistra difende, anticipa gli avversari e serve in mezzo all'area cross interessanti. La condizione fisica non lo assiste e cala nella ripresa.

Pjanic 7: partita in crescendo per lui. Dopo un inizio in sordina trova bene il ritmo gara. Poi quando Garcia toglie i due calciatori più tecnici: Totti e Ljajic, si trasforma in Michael Jordan e come spesso succedeva a MJ23, quando la squadra gli affidava il tiro della vittoria, portava a casa i 3 punti.

Keita 6.5: finisce da capitano segno di quanto si è già integrato e quanto viene stimato dal gruppo e dal mister. Un altro grande acquisto di Sabatini.

Nainggolan 6.5: vince il duello tutto fisico con Acquah. Ormai è il signore del centrocampo giallorosso. Fondamentale nel primo tempo quando scala a fare il terzino sulle scorribande offensive di Holebas.

Gervinho 5,5: tanta corsa come al solito, ma errori di valutazione che vanificano qualche azione importante. Non è fortunato in un diagonale destro che finisce di poco a lato e in un assist non sfruttato da Totti.

Totti 6,5: regala una gran palla a Ljajic per il gol che apre le marcature romaniste. Purtroppo non riesce a incrementare il bottino personale di gol segnati al Parma spedendo alto di sinistro da buona posizione. Dal 35'st Destro sv.

Ljajic 7: Finalmente! Adem è uno di quei giocatori umorali che fanno capire dalla prima palla giocata se è in serata o meno. Così come a Empoli era fermo sulle gambe, a Parma parte motivato giocando più punta con Totti alle sue spalle. Ha bisogno di sentire la fiducia del mister, (anche se ammetterà di non aver sentito le belle parole spese da Garcia in conferenza stampa alla vigilia del match) e di giocare con chi parla la sua lingua sul campo. Non è un caso che dà il suo meglio quando ha giocato prima con Jovetic e ora con Totti. Dal 26'st Florenzi 6: ha subito una buona occasione per segnare, ma la spreca facendosi riprendere da Felipe.

Garcia 6,5: Vince la scommessa Ljajic che lo ripaga col gol. Poi la gara si fa difficile per un episodio sfavorevole e s'incarta un po' coi cambi levando Totti e lo stesso serbo, due dei migliori in campo, per Florenzi e Destro. Per fortuna la squadra ha un tasso talmente superiore rispetto al Parma che, nonostante i tanti assenti per infortunio, riesce a disporre di un giocatore come Pjanic che ti risolve le partite con un calcio piazzato.